Venafro, caccia aperta agli evasi

Due albanesi fuggiti dal carcere di Carinola: anche nel venafrano scattano le ricerche dei due pericolosi criminali

Con una corda fatta con le lenzuola e le sbarre segate, due pericolosi albanesi, intorno alle tre di notte tra sabato e domenica scorsa, sono evasi dal carcere di Carinola, in provincia di Caserta. Adesso i due, Ervis Markja, di 26 anni, e Adriatik Gega, di 29, sono ricercati in tutta Italia. Le loro foto segnaletiche sono state diramate su tutto il territorio penitenziaria.

Markja era stato arrestato nel gennaio del 2016 con le accuse di concorso in ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. Era insieme ad altri due complici e la loro auto era zeppa di armi rubate. Gega era invece stato arrestato nel 2012 in provincia di Benevento, con l’accusa di appartenere a una banda di rapinatori di case. Con lui erano stati fermati altri tre complici di cui alcuni complici, resosi responsabili di alcuni furti nel venafrano, dove uno dei ladri fu scoperto all’interno dell’abitazione dalla proprietaria, che in una colluttazione la colpì al volto. I due fuggiaschi sarebbero scappati a piedi ma non si esclude che qualcuno possa averli aspettati poco lontano per aiutarli. La procura di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un’indagine, anche per accertare eventuali complicità dentro e fuori il carcere. I sindacati della polizia penitenziaria hanno ricordato come proprio la casa circondariale di Carinola sia da tempo sotto organico e carente dal punto di vista dei sistemi elettronici di sorveglianza. Il primo intervento sul posto è stato dei carabinieri, ma ora anche la polizia è coinvolta nelle ricerche. La stessa Polizia ha diramato le foto dei due fuggitivi ed è quindi caccia ai due anche nel venafrano. Rex

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com