UniMol, scoperte due nuove specie di insetti

Si tratta di microlepiddoteri rinvenute nel Parco Nazionale della Sila e nell'Isola di Malta

CAMPOBASSO

Ancora due importanti scoperte targate ad opera di entomologi dell’UniMol, tra questi Pasquale Trematerra, professore ordinario di Entomologia generale e applicata al Dipartimento Agricoltura, Ambiente e Alimenti dell’Università degli Studi del Molise. Si tratta di due nuove specie di insetti finora sconosciute alla scienza che riguardano due microlepidotteri cui sono stati assegnati i nomi di Cochylimorpha scalerciana e di Cydia aldocataniae. La prima specie è stata trovata tra i Monti del Parco Nazionale della Sila in Calabria, la seconda è stata rinvenuta nei frutti di Quecus ilex in un bosco a macchia mediterranea dell’Isola di Malta.
Le due novità scientifiche, che arricchiscono gli studi svolti presso l’Ateneo molisano, sono in corso di pubblicazione sulla rivista internazionale di zoologia Redia.
I due nuovi insetti saranno presentati agli scienziati della comunità entomologica italiana e straniera in occasione del XXI European Congress of Lepidopterology che si terrà proprio all’UniMol dal 3 al 7 giugno 2019.
Le ultime rilevazioni risalgono a settembre 2016, sui monti Pelion in Grecia, di cui due nuove specie appartenenti alla famiglia Tortricidae, alle quali i ricercatori hanno assegnato il nome di Endothenia apotomisana e di Cydia pelionae. A maggio 2017 identificate e classificate due specie nuove di Processionaria, lepidottero dannoso per piante, uomini e animali con la ricerca sulle tecniche innovative indirizzate alla messa a punto di nuove metodologie di lotta ecocompatibile – in copertina del Journal of Economic Entomology – prestigiosa rivista scientifica internazionale – pubblicata negli Stati Uniti d’America.