Una task force contro lo spaccio di droga, ad Isernia telecamere attive già da gennaio

Questa mattina un tavolo alla presenza del prefetto Guida per informare circa le nuove competenze in materia inserite nel nuovo decreto sicurezza

Pma

ISERNIA

Si è tenuta nella mattinata odierna una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Fernando Guida, per fare il punto della situazione sulle attività da porre in essere in materia di prevenzione e lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, anche alla luce delle recenti direttive diramate dal Ministro dell’Interno e dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza.
All’incontro sono stati invitati i Sindaci dei Comuni di Isernia, Venafro, Agnone, Sesto Campano e Montaquila, e che ha visto la partecipazione, oltre ai vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Isernia, Carlo Fucci. L’incontro è stato anche l’occasione per informare i presenti circa le nuove competenze in materia inserite nel nuovo decreto sicurezza, ormai convertito in legge.
Il Prefetto ha, quindi, richiamato l’attenzione dei presenti sulla necessità di dare un rinnovato impulso alla realizzazione di più incisive, ed aggiuntive, misure di prevenzione e contrasto dei fenomeni dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, nel quadro di una proficua sinergia inter-istituzionale.
Pertanto, tutti i presenti sono stati invitati, ciascuno nell’ambito delle rispettive competenze, ad individuare le aree cittadine maggiormente a rischio, prestando particolare attenzione ai luoghi più frequentati e senza trascurare le zone cittadine periferiche. Con l’occasione, il Prefetto ha anche ricordato che, a seguito di precedenti apposite riunioni del Comitato Provinciale, i servizi dinanzi alle singole realtà scolastiche più a rischio sono stati già da tempo calendarizzati, svolgendo, sin dall’inizio dell’anno scolastico, servizi mirati da parte delle Forze di Polizia che hanno già riportato ottimi risultati sul piano del contrasto alle attività di spaccio e della prevenzione.
In tale ottica, sono state delineate ulteriori strategie operative da mettere in campo per una più ampia e complessiva attività, da realizzare con la collaborazione delle Amministrazioni locali, il cui importante contributo può dispiegarsi sotto diversi profili: l’adozione del Daspo urbano; la riqualificazione delle aree periferiche; il potenziamento dell’illuminazione pubblica; il rafforzamento dei servizi di controllo del territorio e, soprattutto, l’avvio del sistema di videosorveglianza.
Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, il Comune di Isernia ha confermato che già nel prossimo mese di gennaio potrà dare esecuzione al Patto per la Sicurezza, attivando nel comune capoluogo il sistema di videosorveglianza, fondamentale strumento finalizzato al rafforzamento delle azioni di prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli