Una schiacciata alla violenza, il 25 novembre triangolare di pallavolo femminile

La parità di genere significa che donne,  uomini, bambine, bambini e adolescenti godono degli stessi diritti, risorse, opportunità e  protezione

Il Coordinamento Regionale del Molise dell’Associazione ConDivisa, Sicurezza e Giustizia, con il patrocinio dell’Università degli Studi del Molise, della Consigliera di Parità di Campobasso ed Isernia, con la partecipazione del Comitato Regionale Molise dell’Unicef, dell’A.N.P.S. di Campobasso dell’Associazione “Amici del 112” di Campobasso e della Società sportiva “Nuova  Pallavolo” di Campobasso, in occasione del prossimo 25 novembre, ricorrenza della Giornata  internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, organizza un torneo di  pallavolo femminile, tra alcune squadre rappresentative, così come sotto riportato: 

Studenti Università degli Studi del Molise: studentesse del corso di laurea di Scienze del  Servizio Sociale; 

Allievi Polizia di Stato – ragazze che frequentano il corso per Allievi Agenti c/o la S.A.A. CB;

Allievi Arma dei Carabinieri – ragazze che frequentano il corso presso la Scuola di CB. Ogni squadra, come da regolamento, sarà composta da 12 ragazze ed il suo allenatore. Il campo di gioco sarà quello del Palazzetto del CUS MOLISE sito in questo viale Alessandro Manzoni e l’ingresso sarà libero. 

L’orario di inizio attività, con breve cerimonia iniziale, sarà previsto per le ore 20,00. Saranno apprezzati in questo momento della manifestazione interventi liberi sul tema “violenza di genere” e “prevenzione della violenza in generale”.

Si svolgeranno tre partite con un set solo da 15 punti e vincerà il torneo la squadra che totalizzerà  nelle tre partite più punti in classifica. A parità di punteggio vincerà la squadra che ha totalizzato  più punti nei singoli set.

Come sottolineato dal Consiglio dell’Unione Europea, lo sport è innanzitutto fonte e motore di  inclusione sociale e viene riconosciuto come uno strumento eccellente per l’integrazione delle  minoranze e dei gruppi a rischio di emarginazione sociale.

Durante la manifestazione sarà trasmesso il messaggio che la parità di genere significa che donne,  uomini, bambine, bambini e adolescenti godono degli stessi diritti, risorse, opportunità e  protezione. Le politiche e gli investimenti nell’uguaglianza di genere contribuiscono a risultati  positivi durante tutto l’arco della vita per le bambine e le loro comunità e garantiscono benessere e  equità intergenerazionali, poiché i diritti e il benessere dei bambini spesso dipendono dai diritti e  dal benessere delle donne, per questo si parla del doppio vantaggio dell’uguaglianza di genere. 

Siamo sicuri che questo invito sarà sicuramente accolto dalle SS.LL. specificando che l’accesso  alle tribune sarà completamente gratuito e solo volontariamente si potrà aderire ad una forma di  donazione per l’Unicef che sarà presente con un suo stand.