Una piccola Betlemme fa rivivere la Natività a S. Elia (le foto)

Riproposto dopo una lunga pausa il tradizionale presepe vivente

Maria Saveria Reale

Nonostante le temperature gelide e qualche fiocco di neve, sabato 28 dicembre la comunità si è mobilitata per la tanto attesa rappresentazione religiosa, ambientata nel borgo antico del paese.

Promossa dalla Parrocchia di Sant’Elia a Pianisi, la sacra rievocazione è stata condivisa dalle diverse associazioni del posto per far rivivere ai visitatori la millenaria storia con la riproposizione di scene bibliche, arricchite dalle immagini degli antichi mestieri, molti anche ormai scomparsi, e dallo splendido quadretto della Natività.

Il parroco, Fra Giuseppe Trisciuoglio ha espresso il suo compiacimento per l’impegno profuso dai numerosi volontari che da qualche mese si sono attivati, all’insegna della collaborazione e della condivisione, per la buona riuscita della lodevole iniziativa, con l’intento di richiamare l’attenzione sull’antico mistero spirituale e anche di valorizzare il centro storico, attirando flussi di visitatori.

Il rischio di improvvise nevicate ha in qualche modo scoraggiato i visitatori provenienti da fuori ma davvero numerosi sono stati i residenti che si sono recati nella “piccola Betlemme” per immergersi nella surreale atmosfera, facendo un salto indietro nel tempo, tra gli antichi mestieri, tra gli stretti vicoli del borgo, ammirando i volenterosi artigiani, come il fabbro e il falegname, e degustando i piatti della antica tradizione.

I vicoli del centro storico, illuminati dalle fiaccole, sono diventati il palcoscenico naturale per rappresentare il più noto e sacro evento della cristianità. La piccola cittadina giordana è stata ricostruita nei minimi particolari per fato la sinagoga, affollato le locande: mercanti, artigiani, mendicanti, pastori che accudivano i propri animali, li mungevano per preparare poi gustosi formaggi, offerti ai visitatori.

Così il “campanaro”, il Palazzo Massa, la chiesa Madre e la piazzetta attigua sono diventati i luoghi della corte di Erode, del Tempio, del Censimento, tappe per ricordare con emozione il grandioso evento della Natività.