Un molisano il ‘banchiere’ della ‘ndrangheta

Cucine store

E’ stato ribattezzato il “banchiere della ‘ndrangheta”. Ha 63 anni e le sue origini portano dritti in Molise. Per lui, F.C. le iniziali delle sue generalità, il tribunale penale federale di Bellinzona ha emesso un verdetto di condanna a 5 anni e 6 mesi di carcere. Il 63enne era l’uomo di fiducia in Svizzera di una cosca della mafia calabrese attiva nel milanese. F.C., arrestato nel 2014 a Vacallo e reo confesso, è stato riconosciuto colpevole di partecipazione a un’organizzazione criminale, ripetuto riciclaggio di denaro e ripetuto inganno nei confronti delle autorità. Secondo l’atto di accusa, l’uomo ha fondato un’associazione criminale, riciclato denaro – milioni di franchi tra Ticino, Dubai e le Bahamas – e infranto la legge federale sugli stranieri. La Corte, presieduta dal giudice Giuseppe Muschietti, ha condannato anche il secondo imputato, un fiduciario ed ex municipale di Chiasso, a 3 anni di carcere (6 mesi da espiare). Il 42enne ha funto da intermediario aiutando il ‘banchiere’ a riciclare svariati milioni di franchi ed è stato pertanto riconosciuto colpevole di riciclaggio di denaro aggravato, ripetuta falsità in documenti e ripetuto inganno nei confronti delle autorità. La difesa sta valutando se ricorrere. Confermate dunque le richieste di pena del procuratore federale Stefano Herold. Una terza persona imputata, la moglie di un appartenente alla ‘ndrangheta già condannato a Milano, non si è presentata al processo per motivi di salute. Il processo in questione ha una storia un po’ travagliata alle spalle. Si tratta infatti di uno di quei casi in cui il TPF si è opposto al Ministero pubblico della Confederazione (MPC): l’imputato e la Procura in un rito abbreviato due anni fa si erano accordati per una pena detentiva di quattro anni per sostegno a un’organizzazione criminale e riciclaggio qualificato di denaro, ma il MPC si è opposto e ha insistito per un procedimento ordinario.

 

Cucine store

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli