Un comitato civico per salvaguardare la costa: “L’offshore Maverick è dannoso”

C’è anche la Casa dei Diritti delle persone tra colori i quali hanno presentato, nei termini previsti, le osservazioni al progetto “Eolico offshore Molise” presentato dalla Maverick srl di Milano che vorrebbe realizzare un parco da 1800 Mw a 25 chilometri dalla costa, in un ampio tratto di mare tra Montenero di Bisaccia e Campomarino.  Ad illustrare questa mattina, lunedì 16 gennaio, in conferenza stampa i contenuti del documento inoltrato alla Capitaneria di Porto di Termoli c’era l’Onorevole Laura Venittelli insieme al costituendo comitato civico, con Federcoopesca, Assonautica, Termolisemare, i Discoli del Sinarca e Europa Verde Molise.

“Noi non siamo contrari all’offshore purchè sia regolamentato e vengano garantite le attività antropiche”, ha ribadito la Venittelli che ha spiegato che questa nuova iniziativa nasce con l’intento di allargare la base del dissenso rispetto ad un insediamento che reca molti rischi per settori strategici come pesca e turismo nel Molise costiero. “Noi ci battiamo fortemente guardando alla programmazione dello spazio marittimo e abbiamo constatato che per la costa Molisana è previsto un tipo di sviluppo diverso da quello energetico. Ad oggi fare un intervento prima dell’adozione del piano di gestione dello spazio marittimo che è in dirittura d’arrivo significherebbe accaparrarsi in maniera selvaggia spazi di territorio vocati ad altra destinazione d’uso”.