Tutto l’amore per Petrella in un brano musicale eletto a inno della felicità e della passione

Eppure, il periodo del “lockdown”, ha riservato importanti e profondi momenti di riflessione. E’ in questa fase che Mario Di Stefano, “petrellese doc”, strimpellando sulle corde della sua chitarra, ha trovato l’ispirazione per comporre una canzone popolare, nata dal cuore, dalle sonorità gradevoli ed orecchiabili e dai contenuti che intendono tracciare le caratteristiche di un luogo, Petrella Tifernina, di una comunità, delle tradizioni che resistono nel tempo.

Il tutto condito da concetti semplici ed arcaici, che esprimono dolcezza e rapiscono un sano sorriso. Un particolare riferimento alle tante famiglie petrellesi emigrate nel mondo, che non hanno perso le proprie radici e popolano il paese nei periodi estivi, rievocando e condividendo quelle tracce di memoria, di cui nessuno può fare a meno.

La reazione della comunità, sindaco Alessandro Amoroso, amministrazione comunale e proloco in testa, ha accolto ed adottato con entusiasmo l’iniziativa, attivando un vero e proprio “tamtam globale” e tante e continue sono le testimonianze che giungono a Mario che, schivo di natura, ringrazia e si emoziona. E allora: Chi ha detto che il sentimento non è più di moda?

Ecco il testo della canzone:

𝐶𝑒 𝑠𝑡𝑎̀ ‘𝑛𝑎 𝑙𝑖𝑛𝑔𝑢𝑎 𝑛𝑎’ 𝑃𝑒𝑡𝑟𝑒́𝑙𝑙𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑛𝑎’ 𝑠𝑐𝑜̀𝑙𝑒 𝑛𝑒 𝑧𝑧𝑒̀ 𝑛𝑧𝑒́𝑔𝑛𝑒
𝑚𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒 ℎ𝑎 𝑑𝑎 𝑖𝑛𝑣𝑖𝑑𝑖𝑎𝑟𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑖𝑛𝑔𝑢𝑎 𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒
𝑚𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑛𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒 ℎ𝑎 𝑑𝑎 𝑖𝑛𝑣𝑖𝑑𝑖𝑎𝑟𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑖𝑛𝑔𝑢𝑎 𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒

‘𝑈 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ ‘𝑛𝑎 𝑚𝑒̀𝑚𝑜̀𝑟𝑒𝑗𝑒 𝑑𝑒 ‘𝑛𝑢 𝑝𝑜̀𝑝𝑒𝑙𝑒 𝑒̀ ‘𝑎 𝑠𝑡𝑜̀𝑟𝑒𝑗𝑒
‘𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ 𝑟𝑒𝑙𝑒𝑔𝑔𝑖𝑜́𝑛𝑒 ‘𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ 𝑛’𝑒̀𝑚𝑜̀𝑧𝑒𝑗𝑜́𝑛𝑒
‘𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ 𝑟𝑒𝑙𝑒𝑔𝑔𝑖𝑜́𝑛𝑒 ‘𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ 𝑡𝑟𝑎̀𝑑𝑒𝑧𝑧𝑗𝑜́𝑛𝑒

‘𝐴 𝑓𝑟𝑒𝑡𝑡𝑎̀𝑡𝑒 𝑐𝑎’ 𝑐𝑒𝑝𝑜́𝑙𝑙𝑒 𝑚𝑜’ 𝑧𝑒 𝑓𝑟𝑖𝑗𝑒𝑛𝑒 𝑖 𝑠𝑐𝑟𝑒𝑝𝑝𝑒̀𝑙𝑙𝑒
‘𝑎 𝑓𝑟𝑒𝑠𝑐𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑎’ 𝑟𝑒𝑐𝑜̀𝑡𝑡𝑒 ‘𝑛𝑎 𝑛𝑧𝑎̀𝑙𝑒̀𝑡𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑎’ 𝑟𝑒𝑞𝑢𝑒́𝑡𝑡𝑒
‘𝑎 𝑐𝑒𝑝𝑜́𝑙𝑙𝑒 𝑒 𝑖 𝑠𝑐𝑟𝑒𝑝𝑝𝑒̀𝑙𝑙𝑒 ‘𝑎 𝑟𝑒𝑐𝑜̀𝑡𝑡𝑒 𝑒 ‘𝑎 𝑟𝑒𝑞𝑢𝑒́𝑡𝑡𝑒
𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑’ 𝑒̀ 𝑏𝑏𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑠𝑡𝑢̀ 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒

𝑁𝑢’ 𝑐𝑎̀𝑚𝑏𝑒𝑠𝑎𝑛𝑑𝑒 𝑒 𝑛𝑎̀ 𝑐ℎ𝑒̀𝑝𝑝𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑧𝑒 𝑑𝑖𝑐𝑒 ‘𝑎 𝑐𝑟𝑜́𝑛𝑒 ‘𝑎 𝑣𝑒𝑐𝑐ℎ𝑖𝑒̀𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒
𝑇𝑒̀𝑡𝑜́𝑛𝑒 𝑒̀ 𝑚𝑒̀ 𝑧𝑒̀ 𝑟𝑟𝑒𝑚𝑏𝑒̀𝑚𝑏𝑖𝑡𝑒 𝑧𝑖𝑗𝑒 𝑅𝑜̀𝑠𝑖𝑛𝑒 𝑒̀ 𝑟𝑒𝑠𝑒̀𝑛𝑎̀𝑡𝑒
𝑟𝑒𝑠𝑒̀𝑛𝑎̀𝑡𝑒 𝑒 𝑟𝑟𝑒𝑚𝑏𝑒̀𝑚𝑏𝑖𝑡𝑒 ‘𝑎 𝑝𝑒𝑛𝑧𝑒𝑗𝑜́𝑛𝑒 𝑒̀ 𝑔𝑎̀𝑟𝑒̀𝑛𝑑𝑖𝑡𝑒
𝑠𝑡𝑢̀ 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑝𝑒 ‘𝑛𝑛𝑎 𝑣𝑖𝑡𝑒

𝑆𝑡𝑢̀ 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑑𝑎 𝑃𝑒𝑡𝑟𝑒́𝑙𝑙𝑒 𝑡𝑒 𝑟𝑒𝑚𝑎𝑛𝑒 𝑛𝑢’ 𝑐𝑒𝑟𝑣𝑒̀𝑙𝑙𝑒
𝑛𝑒 𝑧𝑧𝑢̀ 𝑠𝑐𝑜̀𝑟𝑑𝑒 𝑙’𝑒̀𝑚𝑖𝑔𝑟𝑎𝑛𝑑𝑒 𝑐𝑎̀ 𝑠𝑒𝑑𝑎̀𝑡𝑒 𝑐𝑢’ 𝑏𝑏𝑒𝑢𝑒̀𝑛𝑑𝑒
𝑛𝑒 𝑧𝑧𝑢̀ 𝑠𝑐𝑜̀𝑟𝑑𝑒 𝑙’𝑒̀𝑚𝑖𝑔𝑟𝑎𝑛𝑑𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑡𝑒̀ 𝑝𝑢𝑟𝑒 ‘𝑢 𝑚𝑒𝑛𝑒𝑚𝑒̀𝑛𝑑𝑒

𝐸’𝑝𝑝𝑖̀𝑧𝑧𝑒 ‘𝑢 𝑛𝑎𝑠𝑒 ‘𝑎 𝑔𝑜́𝑛𝑛𝑒 𝑒̀ 𝑠𝑡𝑟𝑒́𝑡𝑡𝑒 𝑟𝑒̀𝑔𝑔𝑖𝑝𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒 𝑐𝑎𝑣𝑒𝑧𝑒́𝑡𝑡𝑒
𝑛𝑎’ 𝐶𝑎𝑛𝑛𝑒𝑙𝑜̀𝑟𝑒 𝑗𝑎𝑚𝑚𝑒 𝑏𝑏𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑧𝑒 𝑝𝑜́𝑡𝑒 ‘𝑎 𝑟𝑜𝑠𝑒 𝑒 ‘𝑎 𝑣𝑒𝑔𝑛𝑒̀𝑟𝑒𝑙𝑙𝑒
𝑠𝑎𝑣𝑒𝑐𝑖𝑐𝑐𝑒 𝑒 𝑐𝑎𝑣𝑒̀𝑡𝑖𝑒́𝑙𝑙𝑒 𝑐𝑎𝑝𝑒𝑑𝑎̀𝑛𝑛𝑒 𝑒 𝑡𝑎𝑟𝑒̀𝑛𝑑𝑒̀𝑙𝑙𝑒
𝑠𝑡𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑛𝑧𝑒 𝑐ℎ𝑒̀𝑛𝑔𝑒̀𝑙𝑙𝑒

‘𝐴 𝑢𝑒𝑙𝑖𝑣𝑒 𝑛𝑢’ 𝑡𝑟𝑒̀𝑝𝑝𝑖𝑡𝑒 ‘𝑢 𝑝𝑎𝑛𝑒 𝑜́𝑛𝑑𝑒 𝑒̀ 𝑠𝑒̀𝑝𝑟𝑖̀𝑡𝑒
‘𝑛𝑢 𝑣𝑒̀𝑠𝑐𝑖𝑙𝑙𝑒 𝑠𝑜́𝑡𝑡𝑒 ‘𝑢 𝑚𝑏𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒 ‘𝑎 𝑠𝑒́𝑟𝑒 𝑖 𝑙𝑢𝑐𝑐𝑒𝑙𝑒̀𝑐𝑐ℎ𝑒̀𝑝𝑝𝑒̀𝑙𝑙𝑒
‘𝑢 𝑡𝑟𝑒́𝑠𝑠𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒 ‘𝑎 𝑝𝑎̀𝑠𝑠𝑒̀𝑡𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑣𝑖𝑛𝑒 𝑟𝑜́𝑠𝑐𝑒 𝑒 𝑐𝑎𝑠𝑐𝑒̀𝑡𝑖𝑒́𝑙𝑙𝑒
𝑠𝑡𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ ‘𝑛𝑢 𝑔𝑔𝑖𝑜̀𝑖𝑒̀𝑙𝑙𝑒

𝐶𝑢𝑒𝑙𝑒̀𝑟𝑖𝑛𝑒 𝑒 𝑡𝑎𝑚𝑚𝑒𝑟𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒 𝑛𝑎̀ 𝑝𝑟𝑒𝑔𝑔𝑒𝑠𝑠𝑖𝑜́𝑛𝑒 ‘𝑎 𝑏𝑏𝑎𝑛𝑑𝑒̀𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒
𝑑𝑜̀𝑝𝑝𝑒 𝑃𝑎𝑠𝑞𝑢𝑒 𝑒 ‘𝑎 𝑃𝑒̀𝑠𝑞𝑢𝑒́𝑡𝑡𝑒 𝑣𝑒̀ 𝑆𝑎𝑛 𝐺𝑔𝑖𝑜̀𝑟𝑔𝑒 𝑐𝑎̀ 𝑐𝑢𝑒𝑙𝑙𝑒́𝑡𝑡𝑒
𝑓𝑜̀𝑐ℎ𝑒 𝑆𝑎̀𝑛𝑑𝑒 𝑒 𝑠𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑒̀𝑙𝑙𝑒 ‘𝑢 𝑣𝑒𝑛𝑒𝑟𝑑𝑖̀ 𝑛𝑖̀ 𝑏𝑏𝑎𝑛𝑔ℎ𝑒̀𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒
𝑠𝑡𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑒̀ 𝑡𝑟𝑜̀𝑝𝑝𝑒 𝑏𝑏𝑒̀𝑙𝑙𝑒

𝑓𝑜̀𝑐ℎ𝑒 𝑆𝑎̀𝑛𝑑𝑒 𝑒 𝑠𝑎𝑔𝑛𝑒𝑡𝑒̀𝑙𝑙𝑒 ‘𝑢 𝑣𝑒𝑛𝑒𝑟𝑑𝑖̀ 𝑛𝑖̀ 𝑏𝑏𝑎𝑛𝑔ℎ𝑒̀𝑟𝑒̀𝑙𝑙𝑒
‘𝑢 𝑑𝑖𝑒̀𝑙𝑒̀𝑡𝑡𝑒 𝑑𝑎 𝑃𝑒𝑡𝑟𝑒́𝑙𝑙𝑒