Trump e il giacimento di petrolio in Molise, la satira di “Lercio”

REDAZIONE

“Il Molise scopre un giacimento di petrolio ma non dice nulla per non farsi bombardare da Trump”. La satira di Lercio “colpisce” ironicamente ancora una volta il Molise. L’articolo a cura di Augusto Rasori è apparso poco prima delle 12 sulla pagina Facebook di Lercio. 

Ecco l’articolo.

“Montenero di Saccoccia (CB) – Se stamattina il pensionato Pietro Di Antonio avesse immaginato le conseguenze dello scavo di un pozzo nel suo orto per innaffiare le sue piante di cavatelli, avrebbe sicuramente scelto una zona diversa.
Dopo pochi colpi di pala, infatti, invece dell’acqua ha iniziato a zampillare una sostanza scura: “Ho subito pensato alla cosa più logica: che fosse “che fosse vino rosso, Tintilia o Montepulciano, ma faceva proprio schifo! – ha raccontato Di Antonio – Allora ho pensato la seconda cosa più logica: che gli extracomunitari ci avessero contaminato li pozzi!

Dopo essere saltato in aria accendendosi una sigaretta rollata sul momento, nei pressi del misterioso getto, il pensionato ha subito chiamato suo cognato Antonio Di Pietrantonio, assessore allo Sviluppo Locale e Preparazione Caragnoli del comune, il quale ha chiamato l’assessore provinciale ai Lavori Pubblici e Caciocavallo, Pietro Di Antonpietro, che a sua volta ha contattato l’assessore regionale alle Attività Produttive e Finocchietto Selvatico, Antonpietro di Dipietrantonio, che ha interpellato il ministro dello Sviluppo Economico e Pampanella, Mario Rossi, che ha prontamente convocato un tavolo di esperti formato dai dirigenti EniAl Serraj, il generale Haftarun ayatollah e le ex testimonial dell’IPFrancesca DelleraAlba Parietti e Valeria Marini.

Dopo che Haftar e Serraj si sono sfidati a chi aveva il baffo più lungo, il vertice si è chiuso con una faticosa sintesi sostanziale basata su due punti condivisi: che tutt’oggi le tre ex testimonial valgono ancora diversi cammelli e che quello zampillato dal terreno di Pietro Di Antonio è indiscutibilmente petrolio. Proprio per tale motivo il giacimento andrà subito chiuso, sotterrato e immerso nella calce viva, tutti i presenti andavano sparaflashati dai neutralizzatori dei Men in Black per scordare completamente l’accaduto, onde non suscitare l’ira bellica degli Stati Uniti, da sempre molto sensibili verso i paesi produttori di petrolio.

Pietro Di Antonio si è detto poco preoccupato per l’eventualità di un attacco militare da parte di Trump:“Quello manco sa dov’è l’Iran, voleva invadere ‘u Texas, e figuriamoci se sa dove shta o’Molise! No, la mia vera paura è che quello finisce che ci mette ‘e dazi sulla ventricina e allora lì son cazzi!”

Pare che il presidente USA sia venuto comunque a conoscenza della clamorosa scoperta del giacimento italico e che effettivamente abbia esclamato “What the fuck is Molise?!” Non avendo avuto risposta né dalla CIA né dal dipartimento di Stato, avrebbe deciso di non sprecare un costoso bombardamento aereo già ordinato di riflesso, facendolo dirottare su Greta Thunberg.

Augusto Rasori

P.S. L’autore si scusa per gli eventuali errori di trascrittura dal dialetto molisano che, d’altronde, notoriamente non esiste”.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com