Truffa dell’olio, i 7 marchi sotto inchiesta

Olio d?oliva spacciato come extravergine quando in realt? non lo era. ? bufera su molte grandi aziende italiane, finite al centro di un?inchiesta dei Nas di Torino coordinata dal procuratore Raffaele Guariniello. Sul registro degli indagati sono stati iscritti per frode in commercio i rappresentanti legali di Carapelli, Bertolli, Santa Sabina, Coricelli, Sasso, Primadonna e Antica Badia. Dai campionamenti effettuati dai Nas, che hanno prelevato bottiglie di tutte le marche, tra cui le pi? vendute, ? emerso che le sette imprese avrebbero dichiarato al consumatore, scrivendolo sulle confezioni, che l?olio venduto era extravergine ? o al cento per cento o comunque presente e miscelato con altri oli ? quando in realt? sarebbe semplicemente stato ?olio vergine?, cio? appartenente a una categoria inferiore per qualit?, con parametri fisico-chimici diversi dall?olio pi? costoso. (corriere.it)

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com