Troppi pregiudicati al bar, scattano i sigilli. Per il questore va tutelata la pubblica sicurezza

L’attività di controllo di 113 e Carabinieri ha permesso di accertare la presenza abituale di persone gravate da precedenti di polizia alcuni dei quali in materia di stupefacenti

Continua incessante l’attività dei controlli amministrativi posta in essere dalla Polizia di Stato di Campobasso.

Nell’ambito di tale attività, un locale di Bojano è stato temporaneamente chiuso, a distanza di pochi mesi da un provvedimento analogo. Personale della Questura di via Tiberio in sinergia con i Carabinieri di Bojano, ha provveduto a mettere i sigilli al locale per un periodo di 7 giorni, in esecuzione di un provvedimento di sospensione della licenza.

Nella giornata di ieri, sabato 5 novembre, gli agenti unitamente al personale della Compagnia Carabinieri di Boiano, hanno notificato al proprietario di un noto bar del luogo, il provvedimento amministrativo, come previsto dalla legge.

Una costante attività di controllo degli uomini della Polizia di Stato e dei Carabinieri ha permesso di accertare la presenza abituale, nel locale, di persone gravate da precedenti di polizia alcuni dei quali in materia di stupefacenti, nonché la presenza abituale di alcuni individui destinatari di “avvisi orali”.

Alla luce di quanto emerso, il questore di Campobasso ha firmato il provvedimento di sospensione della licenza per 7 giorni al fine di tutelare la sicurezza pubblica e prevenire ulteriori criticità. Un provvedimento di pubblica sicurezza che viene adottato dal questore non in funzione della repressione di condotte illecite bensì nell’ottica di una difesa anticipata della società onde evitare che si creino le condizioni per delinquere, ovvero soltanto in presenza di condotte deprecabili o disdicevoli, in tal modo attuandosi un’ampia tutela preventiva ed avanzata degli interessi della collettività.

Da inizio anno sono stati adottati – solo per il comune di Bojano– ben 2 provvedimenti cautelari di sospensione delle attività commerciali di questo tipo. “Le attività continueranno senza sosta – fanno sapere dalla Questura – anche in previsione delle imminenti vacanze natalizie”.