Trasferimento Unilever, si mobilita il mondo politico

Presentata una mozione dai consiglieri regionali Micone e Di Lucente. L’allarme del sindaco di Pozzilli, Stefania Passarelli

I consiglieri regionali Salvatore Micone ed Andrea Di Lucente hanno presentato una mozione per scongiurare il trasferimento dello stabilimento Unilever di Pozzilli ed il licenziamento dei dipendenti. Criticità sollevate già da diversi giorni dalla stampa locale e nazionale e dalle Organizzazioni Sindacali locali riguardanti la crisi aziendale dell’Unilever che comporterà la chiusura di alcune linee di produzione ed il trasferimento delle stesse a Casalpusterlengo, in provincia di Lodi. L’azienda rappresenta una delle poche grandi realtà presenti in Molise e la situazione drammatica che sta vivendo vedrebbe, dalle prime stime, il coinvolgimento tragico della perdita di lavoro per circa 200 dipendenti, assestando un colpo mortale al già sofferente Nucleo Industriale di Pozzilli e possibili licenziamenti diretti, che comporterebbero forti ripercussioni anche per l’indotto dell’Unilever, mettendo a rischio indirettamente centinaia di altri posti di lavoro.

Dato che, allo stato attuale non risultano azioni da parte dell’Assessorato al Lavoro volte a dialogare con una delle maggiori realtà industriali ancora presenti in Molise per comprendere quali siano le esigenze e come possano essere tutelati i livelli occupazionali e che l’Assessore Mazzuto non ha provveduto ad avviare alcuna interlocuzione con i Responsabili Unilever per scongiurare il trasferimento della produzione,  i Consiglieri Micone e Di Lucente, seriamente preoccupati, chiedono al Presidente della Giunta ed all’Assessore Mazzuto di avviare un dialogo con i Responsabili aziendali nazionali Unilever e le Organizzazioni Sindacali. I consiglieri recriminano e lamentano come l’Assessore di competenza, nonostante diverse e concrete avvisaglie sulla questione, imperterrito continua a risultare inerte e totalmente assente di fronte alle criticità, alle esigenze ed alle difficoltà che il territorio regionale ed il tessuto economico lamentano nella più totale mancanza di assunzione di responsabilità e di svolgimento di compiti che il delicato e fondamentale Assessorato al Lavoro insitamente postula. Alla luce di questi ennesimi eventi e dato che il tempo è prezioso e quello perso irrecuperabile, i consiglieri Micone e Di Lucente invitano l’Assessore a svolgere il proprio ruolo in maniera fattiva per il bene del Molise e dei molisani. E anche Stefania Passarelli, sindaco di Pozzilli, dopo il sindacalista Martone, lancia un nuovo allarme sulla permanenza dell’Unilever in Molise. C’è il rischio che, tra diretti e indotto, sfumino circa cinquecento posti di lavoro. Per questo la Passarelli chiede aiuto a Toma e alla Regione parlando di qualcuno che sta mentendo: «Quando le bugie hanno le gambe corte. Unilever dovrà  sconfessare con i fatti e documenti le dichiarazioni rilasciate in questi giorni. Hanno usato  termine “delocalizzazione” lasciando intendere che  non delocalizzavano in altri stati, in altre regioni si. Pensare di spostare alcune funzioni produttive di Unilever Molise a Casalpusterlengo (come riporta un giornale lombardo nella foto) significa voler decretare la fine dell’azienda di Pozzilli. Il Presidente della Regione dovrà aiutarci in questa triste storia».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com