Tragedia sulla Sp51, sequestrata l’auto dell’incidente. Disposte le perizie

Non sarà effettuata nessuna autopsia sul corpicino della bambina di 4 anni che ha perso la vita lungo la Provinciale 51, quasi all’ingresso di Petacciato. La Procura della Repubblica di Larino, infatti, ha rinunciato all’esame autoptico disponendo la ricognizione cadaverica che è stata già compiuta nel pomeriggio di ieri, sabato 11 settembre. Il feretro, quindi, potrà essere riconsegnato alla famiglia in attesa dei funerali che potrebbero tenersi lunedì durante i quali sarà proclamato anche il lutto cittadino sia a Petacciato che a Montenero di Bisaccia. Nel frattempo vanno avanti le indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Larino con la titolare Ilaria Toncini che ha disposto il sequestro della macchina della tragedia, la Fiat Punto che si è ribaltata lungo la Provinciale 51 in un terribile incidente che è costato la vita alla piccolina. Cosa sia accaduto in quella macchina sarà quindi stabilito dalla perizia che sarà disposta dagli inquirenti. Stando ad una prima ricostruzione la mamma e la bimba, residenti a Montenero di Bisaccia, si stavano recando a Petacciato dove abita la nonna della vittima ed erano quasi arrivate a destinazione quando, all’altezza di una curva, la Punto ha urtato contro il muretto a destra della carreggiata prima di ribaltarsi. La vettura è stata posta sotto sequestro e lunedì mattina potrebbero iniziare i primi accertamenti il cui esito consentirà ai carabinieri di ricostruire la dinamica dell’incidente che ha sconvolto due comunità, sia quella di Montenero dove la famiglia viveva assieme alla bambina, sia quella di Petacciato dove, invece, vivono i nonni della piccola vittima. Sul luogo dell’incidente sono arrivati i sindaci sia di Petacciato che di Montenero. Una tragedia che arriva ad appena qualche giorno di distanza da quella che aveva sconvolto la comunità di Tavenna per la morte di Francesco, il 16enne vittima di un incidente mentre era a bordo della sua moto da cross.