Tenta di rubare un paio di scarpe, isernino bloccato da un immigrato che stava chiedendo l’elemosina

REDAZIONE

Tenta di trafugare un paio di scarpe ma viene bloccato da un giovane extracomunitario che si trovava dinanzi al negozio per chiedere l’elemosina. Protagonista della vicenda un 23enne isernino che si trovava a Porto Recanati, in provincia di Macerata. I dettagli della vicenda sono stati resi noti dal Corriere Adriatico e dal Resto del Carlino. Approfittando della calca – la città era gremita di cittadini e villeggianti – ieri mattina il 23enne è entrato in un negozio di calzature con una busta in mano, all’interno della quale ha inserito un paio di scarpe del valore di circa 130 euro. Il gesto è stato subito notato dalla titolare che ha tentato di fermarlo, bloccandolo per un braccio e iniziando a urlare, ma il giovane è riuscito a divincolarsi. In aiuto della commerciante un immigrato nigeriano che si trovava dalla mattinata fuori dal negozio a chiedere l’elemosina. Quest’ultimo ha placcato il giovane che stava scappando via. Subito dopo sono arrivati sul posto gli agenti della Polizia Municipale e i carabinieri, che lo hanno denunciato per tentato furto.  «Non potevo non aiutare Teresa Attili – ha commentato al Resto del Carlino William Ordia, il nigeriano intervenuto diventato una sorta di eroe nelle Marche – perché è una persona generosa, che in passato ha regalato a me e alla mia famiglia delle scarpe, dato che ne avevamo bisogno. Appena ho visto il ladro, non ci ha pensato due volte a dare il mio aiuto». A spiegare cosa è avvenuto in quei momenti concitati la stessa titolare del negozio, intervistata dai quotidiani locali: «Verso le 9 – racconta la titolare, Teresa Attili – stavo servendo alcuni clienti in negozio. Senza che me ne accorgessi, un giovane con i capelli scuri corti è entrato dentro, e subito si è diretto nella sala a sinistra, dove teniamo diverse paia di scarpe. Poco dopo, sono andata nel magazzino per prendere degli articoli, e lì ho intravisto la figura di qualcuno che aveva in mano un maglioncino rosso, e all’interno due scarpe nascoste. A quel punto – prosegue la donna – l’ho immediatamente afferrato da dietro, e l’ho portato nella stanza principale del negozio. Quindi ha posato le scarpe che aveva preso, un paio di Bauer del costo di 129 euro. Appena ho allentato la presa e mi sono ripresa le Bauer lui è corso via, fuori dal negozio. Io l’ho rincorso subito, gridando “aiuto aiuto, al ladro”. Immediatamente, un nigeriano che quasi ogni giorno chiede l’elemosina fuori dal negozio ha inseguito il balordo per qualche metro e poi, insieme, siamo riusciti a bloccarlo, finché non sono arrivati prima gli agenti della polizia municipale e dopo i carabinieri».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com