Tac, ecografie e risonanze di notte per accorciare i tempi biblici della Sanità

Il consigliere Primiani: così facendo diamo ai pazienti la facoltà di scegliere ed effettuare lo stesso tipo di esami in tempi sicuramente molto più brevi

Il nostro primo obiettivo è salvaguardare le cure per i cittadini molisani.

Esordisce con queste parole il consigliere regionale dei 5S, Angelo Primiani, alla luce della proposta approvata oggi – martedì 24 gennaio – in Consiglio. “Abbiamo chiesto di attivare delle liste notturne per le prestazioni di diagnostica per immagini, che andrebbero ad aggiungersi alle liste ordinarie.

Ciò significa che se con le liste ordinarie spesso bisogna aspettare mesi per fare una tac, una risonanza magnetica o una ecografia nelle nostre strutture pubbliche – scrive Primiani – con la creazione di liste notturne diamo ai pazienti la facoltà di scegliere ed effettuare lo stesso tipo di esami in tempi sicuramente molto più brevi.

Oggi infatti la maggior parte delle prestazioni di diagnostica per immagini viene effettuata dalle strutture sanitarie private per un motivo molto semplice: perché le liste di attesa nelle strutture pubbliche sono infinite e i cittadini sono costretti ad attendere tempi biblici per l’esecuzione di questi esami.

La nostra proposta mira quindi a sbrogliare le liste di attesa, ma mira soprattutto ad assicurare le cure ai molisani. Tutto questo ovviamente non basta se il personale dei nostri ospedali resta carente. Se l’approvazione della nostra proposta rappresenta quindi un primo passo in questa direzione, non si può non sottolineare l’importanza di intervenire anche con un piano eccezionale sul potenziamento complessivo delle strutture sanitarie pubbliche.

Ci assicureremo che la struttura commissariale e l’Asrem adottino quindi dei provvedimenti in tal senso. Potete starne certi: su questi temi la nostra attenzione resterà massima fino all’ultimo giorno di mandato”.