Successo internazionale, le campane di Agnone sul New York Times

La tradizione della millenaria Pontificia fonderia Marinelli di Agnone sulle pagine del New York Times

Le campane di Agnone, vera opera d’arte, sono apprezzate da tutti e hanno scavalcato i confini nazionali per bellezza, storia e cultura. A parlarne è stato infatti il New York Times, storico giornale americano, che ha dedicato un importante articolo, corredato da una bellissima galleria fotografica che vede protagonista i fratelli Marinelli, Armando e Pasquale, al lavoro.

“C’è qualcosa di magico nella creazione delle campane, ognuna ha la sua anima”, ha spiegato Armando Marinelli al giornalista del New York Times.
Ad incuriosire il giornale americano, una tradizione che ha le radici nel lontano 1339 e che, ancora oggi, è inimitabile in tutto il mondo.


“Il tempo scorre lento quando si entra nella bottega”, si legge sul New York Times, che ha ricostruito tutto l’iter creativo delle campane.
Soddisfatto, comprensibilmente, anche il sindaco di Agnone, Daniele Saia, che a nome di tutta la comunità ha dichiarato: “Un motivo di grande orgoglio per tutta la nostra comunità. Siamo davvero grati alla famiglia Marinelli perché contribuisce ogni giorno a far conoscere la nostra cittadina in tutto il mondo grazie alle sue campane, vere e proprie opere d’arte apprezzate da tutti”.