Strage di Corinaldo, smantellato gruppo criminale: sette arresti

Nel crollo della balaustra della Lanterna Azzurra rimase ferito anche Angelo Bove, 18enne campobassano

L’indagine condotta dal Nucleo Investigativo del reparto operativo di Ancona, guidato dal tenente colonnello Americo Di Pirro, sotto la direzione del procuratore capo Monica Garulli che ha coordinato le indagini con i pm Paolo Gubinelli e Valentina Bavai, ha portato a sette arresti relativamente alla cosiddetta strage di Corinaldo dell’8 dicembre 2018 che causò 6 morti e 59 feriti tra adulti e ragazzi in attesa di assistere al concerto di Sfera Ebbasta presso la discoteca Lanterna Azzurra. A restare gravemente ferito anche un campobassano, il 18enne Angelo Bove, in coma farmacologico per alcuni giorni prima di riprendersi del tutto.

Per sei degli arrestati l’accusa è di omicidio preterintenzionale mentre il settimo arresto è un ricettatore anche lui colpito da provvedimento in carcere. Tutto il gruppo fa parte di un gruppo criminale modenese dedito ai furti con strappo e rapine all’interno di numerose discoteche del centro e nord Italia. I carabinieri del comando provinciale di Ancona hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Carlo Cimini nei confronti di tutti e sette. Gli arrestati risiedono nella provincia di Modena. Contestata l’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti con strappo e rapine. Per sei di loro è contestato l’omicidio preterintenzionale e le lesioni personali oltre a singoli episodi di rapine e furti con strappo.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com