Stadio, la Commissione di Vigilanza boccia ancora l’aumento capienza. Tifosi rossoblù infuriati

La Commissione di Vigilanza sui locali di Pubblico Spettacolo ha detto nuovamente “No”: lo stadio di Selva piana non rispetta i criteri necessari per operare l’aumento di capienza a 7500 unità, ridotte a 3750 per le normative Covid al 50% sugli impianti sportivi. E’ il secondo parere negativo a distanza di tre settimane. Tradotto: contro l’Andria, domenica prossima, sarà consentito l’accesso a poco meno di 2000 spettatori, così come avvenuto nell’esordio con il Taranto. Al netto di 1050 abbonati, anche con la Fidelis sarà dunque caccia ai (pochissimi) biglietti per supportare la squadra di Cudini, che ben ha iniziato il campionato di Serie C.

La reazione dei tifosi non si è fatta attendere. Serpeggia preoccupazione anche per la successiva gara casalinga con la Paganese (visti i tempi ristrettissimi), mentre in vista del Bari (17 ottobre) tutti si augurano che il lasso di tempo a disposizione possa consentire – dopo ulteriore sopralluogo e relativa riunione – la fatidica fumata bianca. A nulla sono valsi, dunque, gli sforzi congiunti tra comune e società, che con ogni probabilità interverranno nelle prossime ore per far sentire la propria voce a riguardo. Selva piana era, e rimane ancora, per un numero ridotto di sostenitori. le.lo.