“Spazi aggregativi diffusi”, riprende il progetto di prevenzione del disagio culturale

Riprende il via a Venafro il Progetto “Spazi Aggregativi Diffusi” promosso dall’Associazione Educativa Pedagogica Petrarca, che ha riscosso grande successo nei scorsi mesi di maggio e giugno.

L’obiettivo è quello di prevenire il disagio culturale, stimolare il senso di appartenenza, coinvolgere i ragazzi in processi di autopromozione, partecipazione e formazione e permettere loro di sperimentare modalità relazionali nuove e significative, rendendo tali centri punti di riferimento e di inclusione territoriale. La scelta deriva dalla consapevolezza che il territorio coinvolto non presenta spazi aggregativi socializzanti e servizi rivolti ai giovani. Di qui anche la finalità di prevenire la dispersione scolastica, problema che si è amplificato in seguito all’emergenza pandemica del Covid-19.

Il progetto a Venafro ripartirà dal 27 settembre nei giorni di lunedì e giovedì dalle ore 15:30 alle ore 18:30, presso i locali della Chiesa San Simeone in via Acquedotto romano. È rivolto ai ragazzi dai 10 ai 18 anni, i quali potranno svolgere molteplici attività, quali laboratori artistici e sportivi, attività aggregative socializzanti, sostegno e supporto allo studio, laboratorio di informatica e competenze digitali con rilascio di attestazione, spazio di ascolto e uscite sul territorio, orientamento scolastico e al mondo del lavoro.

Nel centro verranno rispettate le norme anti-Covid del distanziamento e l’uso della mascherina. L’ingresso al servizio è gratuito.