Siringhe usate e abbandonate per strada, il Comune dice basta

matrix

ISERNIA. Un fenomeno segnalato da più parti, negli ultimi tempi, quello della presenza di siringhe usate e abbandonate nelle strade del capoluogo pentro. Sia nelle zone più appartate, che in quelle più centrali, dal centro storico alla villa comunale. Episodi che, oltre a far parlare di degrado, non hanno mancato di destare preoccupazione nella popolazione che in più di un’occasione ha sollevato la questione, in particolare attraverso i social network, non mancando di attenzionare gli organi competenti. Non si è fatto attendere l’intervento dell’amministrazione comunale, che ha deciso di predisporre delle misure per garantire la sicurezza della cittadinanza. Oltre al deterrente volto a scoraggiare il fenomeno costituito dall’installazione delle telecamere in città, prevista sia dal Comune che dal Patto per la sicurezza varato dalla Regione Molise, il Comune, su disposizione del settore tecnico dell’ente, ha inoltre disposto l’affidamento del servizio di raccolta e smaltimento siringhe usate e abbandonate sul territorio comunale. Una misura intrapresa a seguito, si legge nell’atto “delle diverse segnalazioni inoltrate dalle autorità preposte alla vigilanza quali: Vigili Urbani, Polizia di Stato, Carabinieri. È stata, perciò, riscontrata la necessità di provvedere all’affidamento di tale servizio, così da poter tempestivamente intervenire in caso di segnalazioni”. L’ente ha deciso di avvalersi della ditta che ha già svolto il servizio negli anni passati, intervenendo anche durante gli orari notturni e provvedendo allo smaltimento delle siringhe che saranno trasportate al centro di termo-distribuzione. L’impegno di spesa previsto dal Comune per il servizio di rimozione e smaltimento dei dispositivi sanitari usati e abbandonati in strada è di 3mila euro.

Nicola D’Ancona 31 dicmbre 2017

 

matrix

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli