Un malore poco prima dell’ospedale ha stroncato la vita di Gianni

Sconcerto a Campobasso dove il 44enne, padre di quattro figli, era molto conosciuto

Quattro figli, una moglie e una vita spezzata. E’ tutto qui il dramma di un’esistenza stroncata quando nuove speranze, progetti e illusioni dovevano ancora arrivare. Il destino è stato profondamente ingiusto con Gianni, con la sua bellissima famiglia, con tutti quelli che gli vogliono e gli hanno voluto bene. Verso le 23 di ieri, lunedì 9 settembre, l’auto (una Fiat Multipla) che stava guidando, sul lato passeggero c’era la moglie, si è incomprensibilmente ribaltata a poche centinaia di metri dall’ingresso dell’ospedale Cardarelli dove stava andando perché poco prima aveva accusato un malore. Con ogni probabilità proprio per quel malore ha contribuito alla perdita del controllo del mezzo che si è ribaltato nell’impatto contro un muretto. Gianni, 44 anni, è stato estratto dall’abitacolo e il suo cuore non batteva già più, nonostante proprio la moglie avesse immediatamente allertato i soccorsi. E’ arrivata un’ambulanza del 118, i Vigili del fuoco, tutto inutile. Gianni Iannacone era molto conosciuto a Campobasso, lavorava per conto di una ditta che consegna medicinali, padre di quattro figli tutti sotto i 10 anni e marito amorevole. La sua scomparsa ha gettato nello sconforto tutti i familiari e gli amici che già nelle prossime ore potranno tributargli l’ultimo saluto dato che il magistrato ha concesso il nullaosta per la restituzione della salma e, quindi la celebrazione dei funerali che dovrebbero celebrarsi domani a Campobasso.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com