Servizio idrico integrato, dubbi sul passaggio di “consegne”

Gli interrogativi sollevati da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil sul subentro di Florio Group a Crea

REDAZIONE TERMOLI

Si torna a parlare della gestione del servizio idrico integrato al Comune di Termoli. Sotto la lente delle segreterie regionali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil è andato a finire il “passaggio di consegne” tra la Crea Gestioni Srl e la Florio Group Srl. Con determina dirigenziale dello scorso 31 gennaio, infatti, il Comune di Termoli puntava proprio sulla società foggiana per la gestione del servizio idrico integrato, considerando anche che la stessa Florio Group aveva ottenuto la gestione provvisoria del depuratore del Sinarca anche nella prima fase di gestione. La procedura di evidenza pubblica per il collaudo funzionale e l’esercizio semestrale del nuovo depuratore del Sinarca, infatti, prevedeva che la partecipazione alla gara avrebbe comportato, al verificarsi della condizione di necessità conseguente al rifiuto della Crea, anche il subentro nella temporanea gestione di tutto il servizio idrico integrato. Una situazione sulla quale, però, le organizzazioni sindacali vogliono vederci chiaro. «L’8 febbraio abbiamo richiesto un incontro urgente all’assessore regionale alle Attività produttive e Sviluppo economico, Dott. Vincenzo Cotugno, per esaminare il problema di un probabile cambio di appalto tra Crea Gestioni S.r.l. e Florio Goup S.r.l. Crea Gestioni – affermano i sindacati in una nota – gestisce la distribuzione dell’acqua a Termoli per conto di Acea S.p.a. e la delibera n. 164 del 31/01/2019 emanata da Comune di Termoli, farebbe pensare ad un affidamento temporaneo del servizio idrico integrato del Comune di Termoli alla Società Florio Group S.r.l. di Foggia in luogo della uscente Crea Gestioni S.r.l. Volevamo e vogliamo ancora verificare la bontà di tale affidamento deciso dal Comune di Termoli, sia per l’idoneità della Florio Goup S.r.l. al subentro e sia per garantire i livelli occupazionali esistenti e soprattutto i diritti dei lavoratori, perché le voci di corridoio non sono confortanti in merito. Abbiamo anche chiesto all’assessore di invitare l’EGAM all’incontro che è sicuramente competente in materia ed abbiamo cercato di coinvolgere nella nostra richiesta di incontro, anche l’Associazione Industriali del Molise, l’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Termoli e ovviamente la Società Crea Gestioni S.r.l. A 15 giorni dalla richiesta – continuano i sindacati – nessun riscontro da parte dell’Assessorato alle Attività Produttive». Di qui gli interrogativi: «dobbiamo rivolgerci altrove? Restiamo in attesa di una convocazione urgente al fine di precedere la fase esecutiva dell’affidamento previsto dal Comune di Termoli».