Senza microfono in assise, Casapound abbandona il consiglio

Il Brigante 2

Tensione in aula consiliare ad Isernia ieri, a seguito della scelta del consigliere di CasaPound Italia Francesca Bruno di abbandonare l’aula per l’impossibilità di far udire la propria voce a causa della mancata installazione del microfono nella sua postazione.

“Da quando ho abbandonato la maggioranza consiliare –afferma Bruno in una nota – ho coerentemente deciso di sedere tra i banchi dell’opposizione. Da lì sono iniziati i boicottaggi nei miei confronti, condotti anche con mezzucci del tipo di non microfonare la mia postazione, ufficialmente per ‘ragioni tecniche’. Quali possano essere le ragioni tecniche che da mesi impediscono un atto così semplice, non è dato saperlo, ma è probabile che c’entrino qualcosa i miei interventi, come quelli sull’immigrazione e sulla riscossione dei tributi, risultati fastidiosi a più di qualcuno nella maggioranza”.

“Vista la mia volontà di intervenire in occasione delle assisi comunali per onorare il mandato conferitomi dagli elettori, mi attrezzerò alla bisogna: se necessario, mi recherò in consiglio munita di megafono, e non escludo di compiere gesti più forti come l’occupazione simbolica dell’aula”.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli