Senologia al Veneziale, Toma: “Si cerca di mantenere il reparto”

Omega Point

ISERNIA. Senologia, da parte della Regione c’è l’intenzione di mantenere la presenza del reparto presso l’ospedale Veneziale di Isernia. A riferirlo, seppur senza scendere nei dettagli, essendo la questione ancora al vaglio, è stato il governatore Donato Toma nel corso dell’incontro con l’amministrazione comunale svoltosi lo scorso 4 luglio presso la sala consiliare di Palazzo San Francesco. Dichiarazioni che sono giunte all’indomani dell’incontro, avvenuto a Campobasso, del presidente della Regione con la delegazione delle pazienti isernine che hanno avviato la petizione a tutela del reparto. Al termine del tavolo di confronto, Toma aveva preso l’impegno ad organizzare un incontro col direttore generale Asrem Gennaro Tosto per discutere la vicenda.

A Isernia, Toma ha dichiarato, parlando del reparto: “Stiamo cercando di mantenerlo. C’è un’esigenza espressa da pazienti e familiari”. Le pazienti erano scese in campo, con un’iniziativa nata in sala d’attesa, per scongiurare l’ipotesi di chiusura della Senologia ad Isernia che, secondo le indiscrezioni, sarebbe prevista per dicembre 2018. In ogni caso, avevano fatto presente le promotrici dell’iniziativa, il ridimensionamento del reparto è già in atto poiché attualmente si lavora con mezza seduta chirurgica a settimana, dovendo dividere la sala operatoria con il reparto di Otorinolaringoiatria.

Dunque circa tre ore settimanali dedicate agli interventi al seno: troppo pochi, secondo le pazienti, per far fronte alle esigenze dettate dal numero dei casi di tumore alla mammella. Attualmente, il reparto di Senologia costituisce un punto d’eccellenza della struttura ospedaliera isernina, in grado di attrarre anche mobilità attiva interregionale: sono numerose, infatti, le pazienti di fuori regione, in particolare del Casertano e del Cassinate, che scelgono Isernia per sottoporsi alle cure necessarie. In tutto, presso il reparto pentro sono stati eseguiti circa 2mila interventi. Al di là dei numeri, in ogni caso, le pazienti e i loro familiari rivendicano il diritto ad essere curate a Isernia.

 

 

 

 

Omega Point

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli