Sea. Tentato furto di nuovi mezzi nel deposito, la Polizia sulle tracce dei ladri

CAMPOBASSO – Mezzi nuovi di zecca, acquistati da poco volti ad incrementare il parco auto della Sea, la municipalizzata che si occupa della raccolta rifiuti in città, e custoditi nel deposito di Fontanavecchia. Questo, con molta probabilità, l’obiettivo dei ladri che nella tarda serata di ieri si sono introdotti nel deposito dell’azienda, quando erano da poco passate le 20. Ipotesi più che plausibile e difficile pensare che i banditi sperassero di trovare denaro, anche se hanno mandato in frantumi qualche finestra e danneggiato porte. Purtroppo per loro, sono stati costretti a fuggire a mani vuote, abbandonando l’idea di tagliare la corda su uno dei tanti mezzi acquistati da poco e che, comunque – per monitorare la raccolta, la Sea ha deciso di dotare di un sistema Gps e quindi facilmente rintracciabili. Forse questo i ladri non lo sapevano e il colpo è andato in fumo grazie al rientro dal turno di lavoro di un dipendente. Immediata la telefonata dell’operatore al centralino del 113, che ha inviato sul posto due Volanti. Dei banditi neppure l’ombra, ma la possibilità che si arrivi a stretto giro di posta ad individuare i responsabili non è certo remota. C’è un sistema di videosorveglianza interno, i cui filmati sono stati acquisiti dalla Squadra Mobile che si sta interessando del caso. “Subito dopo quanto accaduto – commenta al telefono il presidente del CdA, Stefano Sabatini – sono stato informato del tentativo di furto. E’ probabile che volessero rubare alcuni dei mezzi, per giunta acquistati da poco e già utilizzati per la raccolta.”