Sanità e Covid, il ministro Boccia: «Il Molise ha richiesto l’arrivo di un ospedale da campo»

Oltre alla nostra regione c’è anche la Calabria per un totale di 140 posti letto

«Appena terminato di fare il punto sull’emergenza sanitaria e sulle richieste di ospedali da campo e Covid hotel pervenute in queste ore dalle Regioni». Così il Ministro Boccia sui social che aggiunge: «Ad oggi la Protezione Civile, insieme al Ministero della Difesa e alla Croce Rossa Italiana, ha attivato 6 ospedali da campo dislocati in Abruzzo, Liguria, Piemonte, Sardegna, Umbria e Valle d’Aosta, per un totale di 660 posti letto. Bene Calabria e Molise per aver già inoltrato la richiesta al Capo della Protezione civile perché si attivi un ospedale da campo anche sul loro territorio, in modo da avere così altri 140 posti letto.

E sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere regionale del Pd, Facciolla, che in un post sempre affidato ai social ha detto: «Il ministro Boccia ha appena dichiarato: “Il Molise ci ha chiesto un ospedale da campo”. Ma come? Il Molise non è zona gialla, dove la situazione è sotto controllo e dove va tutto bene? Evidentemente no. E la prova palese del totale fallimento della gestione di Toma e Florenzano sta nel fatto che a questo punto avremmo potuto avere l’ospedale Covid a Larino in piena funzione e con personale medico e paramedico assunto grazie ai fondi statali e invece ci prepariamo, come nel peggiore degli scenari prevedibili, ad accogliere i nostri malati in un ospedale da campo ovvero, sull’asfalto».