Sanità al collasso in Basso Molise: «Si rischia una rivolta popolare»

Aida Romagnuolo: «Situazione terribile al San Timoteo di Termoli»

«Sono convinta – ha scritto la consigliera regionale Aida Romagnuolo – che se non si corre subito ai ripari, in autunno nel Basso Molise con l’aggravarsi della situazione economica e soprattutto di quella sanitaria, si rischia una vera e propria rivolta popolare, una vera e propria ribellione capeggiata non dalla politica e dai politici da sempre assenti, ma degli stessi cittadini che ormai non ne possono più. Naturalmente, io che queste denunce ormai le faccio quotidianamente da anni, sarò al loro fianco, perché è inaccettabile che oggi non si possa più contare su una sanità dignitosa, su un diritto alla salute che dovrebbe essere garantito a tutti ed indistintamente, su una assistenza omogenea su ciascun territorio. Dopo l’ennesimo fatto increscioso che ha coinvolto un 61enne colpito da infarto e trasferito dall’ospedale San Timoteo di Termoli al Cardarelli di Campobasso dopo ore, affinché ricevesse le cure dovute. Il nosocomio di Termoli è allo stremo, carente di personale medico e sanitario, tanto che il noto esercente del posto, non ha potuto contare su un intervento immediato, bensì aspettare ore prima del trasporto nel capoluogo. Una situazione terribile, le nostre comunità non meritano questo ed io non smetterò mai di chiedere ai miei colleghi e ai vertici Asrem, una attenta politica che ridia speranza alla sanità molisana. Non smetterò di battermi per tutti quei servizi che in una società civile andrebbero garantiti senza alcun dubbio, e soprattutto senza tagli. Mi auguro che le reperibilità al San Timoteo vengano ripristinate e che davvero si attuino dei percorsi che attirino in maniera stabile medici ed infermieri in Molise, senza che questi scappino via compromettendo definitivamente i nostri diritti alla salute.»