San Basso ha “scelto” la sua barca. Ecco il programma “adattato” al Covid

Sarà la “Romeo e Rosalia Papponetti” a portare l’immagine di San Basso in mare il 3 agosto. E’ quanto venuto fuori dall’estrazione della barca del Santo che, a causa dell’emergenza Covid-19, si è svolta all’interno della sala consiliare di Termoli e a porte rigorosamente chiuse. Un grido di esultanza al termine dell’estrazione. Per Stefano Papponetti, l’armatore della “Romeo e Rosalia Papponetti” si tratta della terza esperienza nel portare San Basso in mare «anche se quest’anno è diverso a causa del Covid. Noi ci prepareremo allo stesso modo per rendere omaggio al nostro Santo. E’ lo scopo di tutta la vita quello di portare il Santo sul peschereccio. San Basso per noi rappresenta tutto. E’ come una figura paterna che ci accompagna tutti i giorni in mezzo al mare». Una estrazione particolare a causa dell’emergenza Covid. Presenti solo alcuni rappresentanti della marineria, il sindaco Francesco Roberti, l’assessore alle Politiche sociali, Silvana Ciciola, Paola Marinucci  in rappresentanza dell’associazione San Basso 7.0 e Domenico Guidotti per la marineria, oltre al comandante della Capitaneria di Porto, Francesco Massaro. Per la prima volta la statua di San Basso non lascerà la Cattedrale di Termoli per imbarcarsi a bordo del peschereccio che, invece, ospiterà una riproduzione del Santo Patrono di Termoli. La stessa riproduzione sarà allestita anche al mercato ittico, che per la prima volta non ospiterà la veglia del 3 sera, e in alcuni punti strategici della città. Si tratterà sicuramente di un San Basso più religioso, più “intimo” per certi versi ma sicuramente tanto atteso dalla popolazione e dai rappresentanti della marineria locale, pronti ad accompagnare comunque il Santo nella sua uscita a mare. L’ha ribadito anche Paola Marinucci al termine dell’estrazione: «la marineria è pronta ad accompagnare San Basso. Se non ci saranno le autorizzazioni dalle istituzioni allora usciranno solo i pescherecci con i loro equipaggi». San Basso dovrebbe effettuare una lunga “passeggiata”: dopo l’uscita dal porto si recherà prima verso nord, fino all’altezza del grattacielo, e successivamente a sud nella zona di Rio Vivo dove poi sarà gettata a mare la corona di alloro in ricordo di tutte le persone che hanno perso la vita nelle acque dell’Adriatico. E mentre il sindaco Francesco Roberti ha invitato la cittadinanza a vivere San Basso nelle proprie abitazioni ricordando tutte le tradizioni che sono collegate alla manifestazione, anche il programma delle iniziative è stato rivisto alla luce dell’emergenza Covid-19.

IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

Il 3 mattina, alle 8, si terrà in Cattedrale la tradizionale messa in onore di San Basso «anche se i posti saranno ridotti a causa del Covid – ha affermato don Gabriele Mascilongo, parroco della Cattedrale – e si potrà entrare solo con le mascherine. La messa, però, sarà seguibile anche da piazza Duomo». Dopo il lancio della corona a mare, il momento dell’omaggio a San Basso della sera del 3 agosto non si terrà al mercato ittico ma anche in questo caso in Cattedrale «dove si potrà accedere nel rispetto delle normative anti-Covid – ha ricordato don Gabriele – quindi con mascherine, gel igienizzanti e distanziamento sociale. Il 4 mattina la messa delle 6 che si teneva al mercato ittico si terrà in piazza Duomo, così come quella delle 18.30 quando il vescovo De Luca darà la benedizione alla città e alla Diocesi». Non si terrà, invece, la processione del 4 agosto pomeriggio, quando San Basso faceva il “giro” delle strade cittadine anche in questo caso a causa delle disposizioni anti-Covid.