Rospo Mare, prima vittoria del comune di Petacciato. Ora si attendono le mosse di Eni ed Edison

Questa mattina in conferenza stampa a Petacciato i dettagli sui 23 milioni di euro che le piattaforme in mare devono versare al Comune

REDAZIONE

La prima vittoria che è arrivata dalla Commissione Tributaria provinciale di Campobasso ha stabilito che l’Eni e l’Edison dovranno versare in totale 23 milioni di euro per le imposte che avrebbero dovuto pagare al Comune di Petacciato in relazione a due distinti avvisi di accertamento elevati nei loro confronti che hanno avuto come oggetto il pagamento dell’imposta di Imu e Tasi. A spiegare i dettagli della vicenda questa mattina in  conferenza stampa presso il comune di Petacciato c’erano il primo cittadino Di Pardo insieme all’avvocato Stefano Labbate. «La scelta di fare accertamenti -ha spiegato Di Pardo- è scaturita da una volontà politica dell’amministrazione. Ne abbiamo parlato tanto in campagna elettorale, c’era qualche sostenitore che era convinto di procedere e quindi quando ci siamo insediati abbiamo fatto una gita in barca per recarci sul posto e la convinzione iniziale è diventata una certezza. Il 3 ottobre 2018 è stato dato mandato all’ufficio Ragioneria di fare accertamenti  e poiché il manufatto non era accatastato bisognava avvalersi della consulenza di un avvocato esperto in materia». Tutto è dunque finito nelle mani dell’avvocato Stefano Labbate che nell’udienza del 13 settembre è riuscito ad ottenere una vittoria al “primo round”. 

La Commissione ha infatti “rigettato il ricorso relativamente all’imposta IMU e TASI e lo ha accolto per le sanzioni.” In altri termini la Commissione ha ritenuto che le imposte vadano corrisposte al Comune di Petacciato per il periodo 2012-2017, senza che tuttavia alle stesse potessero essere applicate le relative sanzioni. Ciò, tradotto in numeri, equivale ad una somma di circa 23 milioni di euro che Eni ed Edison, rispettivamente per la propria parte, devono versare nelle casse dell’Ente. « Da oggi -è intervenuto l’avvocato Labbate-  si scateneranno una serie di vicende giudiziarie in merito alla prima sentenza. Noi siamo convinti di stare nel giusto ma è pur vero che ci troviamo in una battaglia tra Davide e Golia  con il comune di Petacciato contro due multinazionali. Ora aspettiamo le mosse di Eni ed Edison e per adesso ci riteniamo soddisfatti».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com