Rivolta in carcere, la ricostruzione dei fatti

Azione esemplare del personale che è riuscito a riportare la calma in poco tempo

Saranno probabilmente trasferiti in altri istituti penitenziari diversi detenuti tra quelli che ieri sera hanno provocato gli incidenti e le tensioni verificatesi nel carcere di Campobasso e quelli che, dopo il danneggiamento del padiglione interessato, dovranno trovare sistemazione altrove.

Intanto trapelano le prime indiscrezioni su quanto accaduto realmente all’interno del penitenziario del capoluogo. La protesta, iniziata intorno alle 19, ha visto un detenuto (sembrerebbe condannato a seguito dell’indagine Mafia Capitale), brandendo un bastone nella sezione al secondo piano, minacciare di ferirsi con una lametta appoggiata sul collo. A quel punto avrebbe iniziato a danneggiare il posto di servizio dell’agente, evitando tuttavia il sequestro dello stesso, il che avrebbe avuto conseguenze ben più gravi visti i protocolli cui sono chiamati al rispetto le guardie penitenziarie. Successivamente, scendendo le scale, ha distrutto plafoniere, vetri delle finestre, telecamere di vigilanza e quadro elettrico al piano terra. Immediatamente scattato l’allarme sarebbero intervenuti sul posto alcuni agenti e il vice comandante che, tuttavia, in un primo momento non sono riusciti a far desistere il detenuto dai suoi propositi bellicosi. Anzi, appena il vice comandante si sarebbe allontanato per riferire informazioni al Direttore (in quel momento fuori città), il detenuto sarebbe risalito velocemente al secondo piano e, aiutato da altri compagni, avrebbe bloccato l’ingresso alla sezione con un cavo ricavato dalle telecamere danneggiate, appoggiandovi poi dei materassi e incendiandoli.

Intanto il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale si sta recando alla Casa circondariale di Campobasso per verificare la situazione, capire le motivazioni che hanno portato i detenuti a tali comportamenti ed esprimere vicinanza al personale, con a capo il comandante Ettore Tomassi (rientrato immediatamente da un periodo di ferie) che ha avuto un comportamento esemplare, sapendo gestire con calma e secondo oliati protocolli interni di comportamento quanto accaduto, riportando il tutto nei ranghi della normalità nel giro di qualche ora.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com