Ripetitore telefonico sul tratturo, i residenti bloccano i lavori

È stato dato mandato ad un legale di ricorrere al Tar per difendere la salute pubblica e il paesaggio

ORATINO. Dove non arrivano (o non sono ancora arrivate) le carte bollate, arrivano fisicamente i cittadini per impedire i lavori per un’opera non gradita. A Oratino, in contrada Cerro, i residenti si sono radunati questa mattina, martedì 21 gennaio, a pochi metri dal tratturo (con la transumanza recentemente dichiarata patrimonio dell’Unesco), dove dovrebbe essere installato un ripetitore telefonico, per bloccare i lavori. Al centro delle critiche, l’amministrazione comunale che ne avrebbe consentito, con troppa facilità, l’installazione senza preoccuparsi delle conseguenze sulla salute pubblica e sul paesaggio. Tutto questo, poi, è stato tradotto su carta dando mandato all’avvocato Giacomo Papa di presentare un ricorso al Tar e difendere i propri diritti.   

Prima, infatti, non aveva dato esito la diffida depositata in Comune in cui, alla luce del regolamento comunale numero 5 del 2014, «si dimostrava come l’istanza della Wind Tre S.p.A. contenesse palesi violazioni e che dunque il Responsabile del Procedimento aveva l’obbligo di dichiarare immediatamente inammissibile la stessa, invitava l’amministrazione a rigettare l’istanza». Poi, lo scorso 19 dicembre il Responsabile del Procedimento, l’ingegner Francesco Del Greco, dopo aver acquisito tutti i pareri, autorizzava l’azienda all’installazione della Stazione Radio Base.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com