RicCiak, si vive, Riccia resiste all’emergenza e si ritrova per fare comunità

di AGNESE GENOVA

RICCIA. Migliaia di visualizzazioni, centinaia di like e condivisioni, un palinsesto di tutto rispetto con sette dirette quotidiane ed un riscontro senza precedenti. E’ andata oltre ogni aspettativa la riuscitissima iniziativa della Pro Loco di Riccia denominata “RicCiak, si vive”, un canale telematico che ha promosso tre settimane di dirette video sul gruppo facebook della locale associazione di promozione turistica. Dal 23 marzo ad oggi circa centocinquanta dirette animate da un centinaio di partecipanti che hanno affrontato i temi più disparati, arricchendo di contenuti le rubriche dedicate a cucina, lettura di favole per bambini, logopedia, salute, storia e cultura locali, fitness, bellezza, musica, saluti dei concittadini dall’estero, lezioni streaming di ogni genere e tanto altro ancora, tutte curate da professionisti, artisti e amanti della propria terra. L’idea è nata dalla volontà di animare le lunghe giornate trascorse in casa, di far sentire i riccesi ovunque presenti più vicini e meno soli. Grazie alle moderne tecnologie sono scomparse distanze geografiche e sono state azzerate barriere fisiche, tanto che la comunità si è ritrovata tutta davanti ad uno schermo per condividere momenti di svago e distrazione, per seguire con interesse gli argomenti più disparati. “La restrizione domiciliare a cui sono stati sottoposti i cittadini di Riccia, dichiarata zona rossa a causa delle ben note vicende legate al Coronavirus, ha indotto la ProLoco del posto ad escogitare qualcosa che, avvalendosi del social network facebook, potesse in un qualche modo distrarli dall’apatia quotidiana e motivarli ad essere diversamente occupati- ha spiegato il vicepresidente dell’associazione Silvio Cinquino- Nulla di inventato, solo un normale mutuare esperienze già sperimentate in precedenza in tanti altri luoghi. Si è quindi fatto ricorso alle dirette video trasmesse sul proprio gruppo facebook “ProLoco di Riccia”. E’ nata così l’iniziativa “RicCiak, si vive”, che ha avviato la propria operatività lo scorso 23 marzo. Hanno preso parte alle dirette nomi di spicco, come i campioni mondiali di pasticceria e gelateria Carmela e Antonio Capuano, lo chef Marcello Russodivito da New York, l’ex miss Molise Daniela Di Maria da Malta, il maestro di arti marziali Biagio Fanelli, solo per citarne alcuni. “RicCiak, si vive” è nata con il solo ed unico scopo di allietare le giornate di isolamento forzato cercando allo stesso tempo di lasciare qualcosa di utile a chi segue il palinsesto. Oltre ad essere seguita dalla maggior parte dei riccesi, si segnala un riscontro importante anche da molti concittadini emigrati e residenti all’estero e da parte di cittadini dei centri limitrofi. Basti pensare che i membri del gruppo “ProLoco di Riccia” sono passati da 750 iniziali agli oltre 2.500 di oggi. Nonostante i vari problemi tecnici, causati perlopiù dalla connessione- ha concluso Cinquino- ogni giorno viene trasmesso un variegato palinsesto, con una media di ben sette dirette. Alcune delle quali seguitissime, come quella del pizzaiolo Luciano Palmieri con circa 250 spettatori in diretta o quella di Maria Antonietta Moffa con quasi 3.500 visualizzazioni”. “RicCiak, si vive” è stata programmata per 21 giorni, è attualmente operativa e chiuderà ogni attività la sera della domenica di Pasqua, quando andrà in onda l’ultima diretta. Riccia blindata, chiusa in casa ma viva, ha risposto con questa bella iniziativa di resilienza. Organizzata in un solo giorno, e per la quale elogi e seguito non sono mancati.