Regionali, Federico (5S): «Fronte progressista con il Pd, ma no a transfughi e terzo polo»

Il coordinatore regionale del Movimento 5 Stelle commenta l’elezione della Schlein e traccia il perimento della coalizione in vista delle elezioni di giugno»

Un’elezione, quella di Elly Schlein alla guida del Partito Democratico, che avvicina Pd e Movimento 5 Stelle e dà una forte spinta all’accordo in Molise in vista delle Reginali di fine giugno. Primo banco di prova della “nuova” alleanza. Nuovo corso del Pd apprezzato anche dal coordinatore regionale del Movimento 5 Stelle Antonio Federico. 

«Elly Schlein è il nuovo segretario del Partito Democratico. Hanno convinto – ha scritto l’ex parlamentare pentastellato – le sue parole su diritti, lotta alle diseguaglianze, lavoro, dignità, contrasto ai cambiamenti climatici, sanità pubblica e scuola pubblica. Parole che sono in perfetta continuità con quel percorso progressista iniziato durante il secondo Governo di Giuseppe Conte e sciaguratamente interrotto da giochi di Palazzo condotti da Matteo Renzi. Ricordo perfettamente quel momento storico che ho avuto la fortuna di vivere in primissima linea in Parlamento. 

Qui in Molise prendiamo atto di questa chiara scelta di campo fatta dal PD e rinnoviamo senza spostare di una virgola il nostro impegno per le prossime elezioni regionali di giugno: la costruzione di un fronte progressista che metta insieme movimenti civici, sinistra, verdi ed anche il PD. Un fronte progressista in grado di essere alternativa forte e concreta al centrodestra locale. Un fronte progressista – conclude – che deve avere una credibilità ed una coerenza di idee che non può essere inquinata in alcun modo: niente transfughi dal centrodestra e niente cosiddetto terzo polo.»