Rapina all’autolavaggio, scarcerato uno dei pakistani. «Accolta tesi difensiva»

L’avvocato Spinelli: «Il mio assistito era socio del denunciante»

E’ stata revocata l’ordinanza di custodia cautelare di A.N., il cittadino pakistano arrestato per il reato di rapina aggravata. A deciderlo è stato il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Isernia che nella giornata di ieri, 23 gennaio, ha firmato l’ordinanza di revoca dell’arresto a seguito dell’interrogatorio di garanzia a carico dell’uomo difeso dall’avvocato Gaetano Luigi Spinelli del foro di Napoli-Nord. «E’ stata quindi accolta la tesi sostenuta dalla difesa – si legge in una nota dell’avvocato Spinelli – che ha dimostrato, anche mediante produzione documentale, come il  suo assistito, imprenditore tessile inserito stabilmente nel tessuto produttivo del comune di Succivo, nel casertano, totalmente incensurato e proprietario di una fabbrica con diversi dipendenti, in realtà fosse socio del denunciante, proprietario dell’autolavaggio sito nel comune di Isernia, e che la tesi accusatoria e quindi la denuncia della rapina non avesse fondamento probatorio. Il gip ha quindi sostenuto la credibilità del sig. N e la tesi difensiva, ordinando l’immediata scarcerazione come richiesto dal difensore avv. Gaetano Luigi Spinelli».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com