Ragazzo annega a Termoli, ancora una tragedia del mare: recuperato il corpo

Ancora una tragedia del mare si è verificata questo pomeriggio, sabato 18 luglio, nelle acque di Termoli. Sul litorale nord del Porto, a poco distanza dal depuratore e nei pressi del Castello, è annegato un ragazzo. Capitaneria di Porto e Vigili del Fuoco stanno provando a raccogliere il corpo, operazione resa difficile dalla presenza delle scogliere e dalla difficili condizioni del mare. In volo anche un elicottero dei Vigili del Fuoco che sta cercando in questi minuti, ore 16.40, di rintracciare il corpo in acqua.

Sul posto Finanza navale, Capitaneria, Vigili del Fuoco, Carabinieri e Polizia.

“In corso dalle ore 16.00 circa, – hanno fatto sapere i Vigili del Fuoco – un intervento di recupero salma in mare da parte di una squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Termoli, in collaborazione con la locale Capitaneria di Porto. I Vigili del Fuoco, con l’ausilio di una moto d’acqua si stanno adoperando affinché la citata salma, individuata tra gli scogli alle spalle del porto, possa essere posta in condizioni ottimali di recupero”.

Ore 17. Il corpo è stato ritrovato ma al momento ancora non è nota l’identità. Secondo alcune indiscrezioni sembrerebbe che si stesse cercando un uomo scomparso da ieri, ma ancora non è noto se la salma recuperata sia quella appartenente alla persona ricercata.

Il corpo recuperato dai sub dovrebbe essere quello di un 30enne, la cui scomparsa è stata denunciata questa mattina dai familiari che non lo hanno visto rientrare a casa. Dovrebbe essere di fuori regione e secondo alcuni testimoni sarebbe stato visto lanciarsi in acqua nudo nella serata di ieri, venerdì 17 luglio. I suoi abiti sono stati ritrovati sulla spiaggia questa mattina e sono quindi partite le ricerche in mare. Al momento non è esclusa alcuna ipotesi, né quella del malore, né quella del gesto volontario.

Seguono aggiornamenti