“Quanno nascett Ninno”. Una piccola Betlemme a Oratino

E’ stato illuminato da un tiepido sole pomeridiano <Quanno nascette Ninno>, il presepe vivente realizzato dalla Coop.<Ricerca e Progetto> e dal Centro <Il Granello di Senape>, con la collaborazione dell’Associazione <La Mantigliana – Cultori del Costume>.
Una sinergia ormai consolidatasi nel tempo e che, in questi anni, sta offrendo al pubblico scorci teatrali e storici, di vita vissuta,  coinvolgendo diversamente abili.
Location dell’evento, la Casa Alloggio <Il Giardino di Ninetta> di Oratino per dare, appunto, continuità al percorso di socializzazione, integrazione e promozione della cultura della parità, con il coinvolgimento dei bambini e ragazzi de <Il Granello di Senape>, i nonni della casa alloggio e del Centro Alzheimer di Campobasso, ma anche per mantenere viva una cultura popolare presente nei ricordi degli anziani e nella loro voglia di trasmetterla alle generazioni future.
I ragazzi de <Il Granello di Senape>, affiancati da volontari ed operatori, sono stati i figuranti del presepe, mettendo in campo le loro abilità con un linguaggio silenzioso ed emozionale.
Interagendo tra loro e con gli spettori hanno saputo dar vita ad uno “spettacolo” in cui la forza dell’Arte ha evocato ricordi e sensazioni di un tempo passato.
Arte, religione e tradizione si sono fusi, dunque, producendo scene e personaggi del tempo che fu.
Il fruttivendolo, la lavandaia, il contadino, il lattaio, il mugnaio, il castagnaro, la stiratrice. Il macellaio e il pastore, l’osteria, e, soprattutto, la capanna della natività curati nei minimi particolari da Dora Di Cristofaro, Giuseppe Di Rito e Mastropietro Annamaria de <La Mantigliana> hanno costituito il presepe.
Cooperazione, scambio intergenerazionale per mantenere viva la cultura popolare e per costruire percorsi sociali hanno generato relazioni e nuove esperienze inclusive.
In rete sociale l’Associazione Culturale <Arturo Giovannitti> , rappresentata degnamente da Teresa Muccitto, che ha fornito materiale per l’allestimento delle scene, e da Roberto Iuliani. Entrambi hanno offerto collaborazione per le musiche e i canti.
È stato, difatti, partecipe un coro di bambini di Oratino che ha intonato le classiche melodie natalizie.
Presente con una piccola faglia anche  l’Associazione Culturale <La Faglia>, a simboleggiare il fuoco dell’accoglienza e dell’amicizia.
Il Vescovo della Diocesi di Campobasso – Bojano, mons. Bregantini, ha impartito la benedizione a tutti i figuranti, avendo modo di intrattenersi con i ragazzi ed i loro familiari, il sindaco di Oratino Roberto De Socio ed il Presidente della Associazione <La Faglia>, ai quali va il ringraziamento di tutti gli organizzatori.
L’organizzazione rivolge in particolar modo un ringraziamento all’Associazione Anps (Associazione Nazionale Polizia di Stato) di Campobasso per aver garantito il servizio d’ordine e la sicurezza.