‘Progetti condivisi per la Salute Mentale’, l’Ordine dei medici ne discute con Malinconico

REDAZIONE TERMOLI

Un corso di formazione dal titolo“Progetti condivisi per la salute mentale: i servizi specialistici e la medicina del territorio”. E’ questo il tema discusso questa mattina dalle 9 alle 13 presso l’Hotel Meridiano di Termoli e organizzatodall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Campobasso. Unico relatore il dottore Angelo Malinconico, Direttore dei Servizi per la Salute Mentale del Basso Molise che ha preso parola dopo i saluti e l’introduzione del Presidente dell’Ordine, Carolina De Vincenzo. Un corso impegnativo che ha mosso l’attenzione sulle sfide che la psichiatria e in generale la tutela della Salute Mentale deve affrontare, per aprire nuove prospettive di gestione dei portatori di disagio psichico, nel rispetto della persona e delle sue problematiche, legate direttamente al disturbo, così come alle difficoltà di integrazione sociale, quasi sempre presenti nel contesto di appartenenza. «Il Piano di Azione Nazionale per la Salute Mentale (Pansm) rappresenta attualmente l’alveo nel quale si devono incanalare tutti i programmi per la salute mentale, che in gergo tecnico si sostanziano nella costruzione del Progetto Terapeutico Individualizzato. Emerge chiaramente che il settore sanitario da solo non può fornire tutti i servizi necessari e non può rispondere a tutti i bisogni per la promozione della salute mentale e la prevenzione dei disturbi psichici. Inoltre l’area dell’infanzia e dell’adolescenza richiede formazione, competenze e modelli di intervento multiprofessionali specifici. Si rende pertanto necessario che i percorsi di cura debbano essere realizzati sia da parte dei servizi specialistici per la salute mentale, sia attraverso l’integrazione con la rete dei servizi sanitari, sociali e educativi, formali e informali, istituzionali e non, presenti sul territorio».