Primo caso di Listeriosi in Molise, la diagnosi nel reparto di Medicina del Cardarelli: sotto accusa una ricotta

Il 75enne è stato poi trasferito in Malattie Infettive e in seguito all’aggravarsi delle sue condizioni in Terapia Intensiva

Domenica 25 settembre la scoperta presso il Cardarelli di Campobasso del primo caso di Listeriosi in Molise. E’ stato il reparto di Medicina interna dell’ospedale del capoluogo ad avere l’intuizione che potesse trattarsi del batterio della Listeria. 

L’uomo, 75 anni, residente in provincia di Campobasso, è arrivato in Medicina con febbre, stato confusionale e stato settico. Il quadro clinico ha portato i dottori del reparto di Medicina Interna ad avere la giusta intuizione e all’uomo è stata effettuata una rachicentesi che consiste nell’estrazione del liquido cerebrale. Da questo esame è arrivata la conferma di Listeriosi e sempre lo staff della Medicina ha effettuato le cosiddette “interviste”, sia all’uomo, sia ai suoi stretti familiari, per comprendere l’origine dell’infezione. Il batterio della Listeria è presente, infatti, in cibi contaminati e i medici, attraverso la ricostruzione di quanto mangiato dall’uomo, sono giunti alla conclusione che il batterio fosse presente in una ricotta consumata giorni primi dal 75enne. 

Successivamente alla diagnosi, l’uomo è stato trasferito da Medicina Interna a Malattie Infettive. Ieri, purtroppo, c’è stato un aggravamento delle sue condizioni ed è strato portato in Terapia Intensiva.