Pos 2022-2024, Toma: “Cardarelli Dea di II Livello solo se viene superato il Balduzzi”

Il commissario ad acta per la sanità molisana è intervenuto nella seduta monotematica del Consiglio comunale di Campobasso per illustrare il documento programmatico

di Antonio Di Monaco

“Sul piano politico c’è la volontà di far diventare l’ospedale Cardarelli di Campobasso Dea di II livello ma, in qualità di commissario ad acta non posso agire fino a quando non arriverà una deroga al piano operativo definito da Decreto ministeriale 70, conosciuto come decreto Balduzzi”. Niente di nuovo sotto il Pos (Piano Operativo Sanitario) 2022-2024 illustrato dal commissario ad acta per la sanità, Donato Toma, al Consiglio comunale di Campobasso riunito in seduta monotematica. “In Conferenza delle Regioni, insieme con la dottoressa Gallo, ho preteso di modificare il decreto Balduzzi al tavolo politico dei governatori, ma qui uno vale uno (riferimento non tanto velato ad uno dei claim più celebri del Movimento Cinque Stelle, partito di maggioranza a Palazzo San Giorgio, ndr)”.

Nella stessa sede, come ha ricordato lo stesso commissario ad acta, visto il no della Regione Campania che non ha consentito alle Regioni di dare l’intesa, il Consiglio dei ministri ha approvato una delibera motivata che autorizza il ministero della Salute ad adottare il decreto ministeriale (di concerto col Mef) sui “modelli e standard per lo sviluppo dell’Assistenza territoriale” con i nuovi standard per l’assistenza territoriale. “Ci sono state autorizzate 13 Case delle Salute, di cui 9 finanziate con un milione e mezzo l’una – ha annunciato Toma – riconoscendo la particolare orografia del territorio molisano che non può essere coperto nella sua totalità. Trivento ne avrà una e avrà bisogno di pochi interventi, ma in tutte dobbiamo metterci il personale e il governo si impegnerà a reperire i fondi per le assunzioni”. Entro questo mese, infine, “dobbiamo chiudere il piano Cis con il ministero della Sanità sulle case di comunità. A Campobasso ne è prevista una nel Quartiere Cep che andrà abbattuta e ricostruita e sorgerà in via Gramsci”.