“Poesie a pezzi” di Luigi Pizzuto

Cultura del libro in primo piano a Colletorto per far crescere sensibilità e non pochi toni del cuore. L’evento è in programma lunedì 8 agosto a partire dalle ore 22.00. La nuova silloge poetica dello scrittore Luigi Pizzuto sarà presentata nel cuore del paese, ai piedi del bel portale della Chiesa del Purgatorio. “Poesie a pezzi” è il titolo della raccolta pubblicata dall’Editrice Lampo che si affaccia, dunque, dopo “Versi in quarantena”, nel panorama delle letteratura molisana. Si tratta di una raccolta di componimenti poetici articolata. In modo accorato suggerisce di guardarsi intorno. Per comprendere nella voce del silenzio l’andamento lento e il dettato narrativo della bellezza di luoghi semplici, genuini e sconosciuti. La vita del borgo è qui. Le svariate tematiche animano il cammino dei giorni. Per chi vive nei piccoli borghi è un orizzonte privilegiato. C’è il canto di una natura sempre pronta ad abbracciarti anche nelle situazioni più tristi. Questa condizione di pace e serenità improvvisamente viene spezzata dallo strazio della guerra imperante. La guerra è un’azione criminale, mostruosa e disumana contro l’umanità. Viene precisato nella prefazione curata dal prof. Ubaldo Spina. I quartieri bruciati, le case ridotte a cumuli di macerie in Ucraina nascondono le lacrime dei corpi insepolti. Come insepolti giacciono sulle strade di Bucha i cadaveri dello scempio finale. Simili ai calchi di Pompei. Qui però sono corpi ammazzati senza pietà dalla crudeltà umana. Nei testi i pensieri più dolorosi sono rivolti ai bambini senza sorriso, ai loro sogni infranti, al loro futuro spezzato. Ad un passato che si ripete nelle sue forme più oscure. Grazie ai toni azzurri del Cielo la voglia di vivere continua. Con i suoi enigmi. Il messaggio è forte. Le poesie sono illustrate dai murales del Premio Antonio Giordano. Modera l’evento Stefano Leone. Intervengono la scrittrice Gabriella Paduano e lo studioso di lingua locale Ubaldo Spina. Portano i saluti il sindaco Cosimo Mele, la presidente de “La Coccinella” Camilla Di Rocco, l’assessore alla cultura di Santa Croce di Magliano Giuliana Petruccelli e il consigliere Francesco Rinaldi del Comune di Termoli. Intermezzo musicale Nicola Grimaldi.