Più vicini agli anziani con un’assistenza domiciliare potenziata

Il servizio verrà erogato per un minimo di 8 fino ad un massimo di 14 ore settimanali ed sarà svolto da operatori qualificati. Presentato l’avviso pubblico pubblicato sul sito del Comune di Campobasso

Se solo funzionasse di più l’integrazione socio sanitaria si riuscirebbe a dare maggiori e migliori risposte ai nostri anziani ed anche alle famiglie. Negli ultimi anni si è cercato di avviare un discorso in tal senso, più di tutti con l’azienda sanitaria, ma l’interlocuzione con ASREM risulta sempre complicata, nonostante le strutture sanitarie potrebbero essere le prime a trarne grande beneficio.” 

È stato questo il pensiero espresso dall’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Campobasso, Luca Praitano, nel presentare l’avviso pubblico per il servizio tutelare di base formulato dall’Ambito Territoriale Sociale di Campobasso e pubblicato anche sul sito web del Comune di Campobasso.

“È proprio in un’ottica di prevenzione dell’istituzionalizzazione e di riduzione di ricoveri impropri negli ospedali, al fine di favorire la permanenza presso il proprio domicilio anche degli anziani in condizione di grave non autosufficienza o di fragilità socio ambientale, che si è deciso di stanziare fondi dell’Ambito Territoriale Sociale di Campobasso per attivare un nuovo servizio tutelare di base finalizzato a garantire un’assistenza domiciliare potenziata. Il servizio verrà erogato per un minimo di 8 fino ad un massimo di 14 ore settimanali ed sarà svolto da operatori qualificati (OSS).

In passato, – ha aggiunto Praitano – nel triennio 2017/2019, il programma regionale Tutelare di Base fu finanziato attraverso fondi europei e consentì di fornire assistenza domiciliare potenziata a 34 anziani non autosufficienti arruolati in Assistenza domiciliare integrata.”

Questo tipo di assistenza non sostituisce né quell’infermieristica, né quella riabilitativa, ma è finalizzata alla prevenzione, al mantenimento e al recupero delle potenzialità residue della persona per permettergli di restare al proprio domicilio e nel proprio contesto di relazione. Gli obiettivi del servizio sono: favorire la permanenza della persona anziana nel proprio ambiente di vita; evitare l’emarginazione, l’isolamento e l’istituzionalizzazione dell’anziano; alleviare il peso e diminuire la pressione che grava sui familiari accudenti l’anziano; mantenere la persona nel proprio contesto di vita attraverso interventi a sostegno della famiglia e della persona con prestazioni socio-sanitarie integrate svolte in regime domiciliare o nel contesto della vita quotidiana; costituire una valida alternativa sia all’assistenza sanitaria prestata in regime di ricovero ospedaliero, che alla istituzionalizzazione in Residenza Sanitaria Assistenziale (R.S.A.) e Residenza Protetta Socio-Sanitaria; ridurre i ricoveri impropri e incongrui negli ospedali e nelle strutture residenziali, nonché ridurre la permanenza in ospedale e favorire la deospedalizzazione, attraverso l’istituto della dimissione sociosanitaria protetta; -sostenere la famiglia e coinvolgerla in una collaborazione solidale e partecipata ai piani di assistenza.

Il bando è rivolto ai cittadini ultrasessantacinquenni (o affetti da senescenza precoce certificata, ai sensi della L.R. 21/’90), residenti in uno dei Comuni facenti parte dell’Ambito Territoriale Sociale di Campobasso che: abbiano il 100% di invalidità; vivano in condizioni di non autosufficienza grave o di fragilità socio-ambientale.

La domanda di ammissione al servizio dovrà essere inviata in busta chiusa, all’indirizzo dell’ATS di Campobasso: “Ufficio di Piano – Via Cavour 5” nelle seguenti modalità: – inoltrata a mezzo raccomandata A/R (non farà fede il timbro postale, ma la data di ricevimento); consegnata a mano previo appuntamento telefonico al numero 0874-405598 nei giorni di: martedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00; giovedì dalle ore 15.30 alle 17.30; inoltrata a mezzo PEC dell’Ambito: comune.campobasso., utilizzando l’apposito modello disponibile sul sito internet dell’Ambito Territoriale Sociale di Campobasso, nonché presso lo Sportello Unico dei Servizi alla Persona, sito a Campobasso in via Cavour 5 (piano terra) e presso gli Uffici di cittadinanza dei Comuni dell’ATS.

L’Istanza dovrà essere presentata entro e non oltre 30 giorni dalla pubblicazione dell’avviso, precisamente entro le ore 12:00 del giorno 24/08/2022.

L’avviso e il modello di domanda sono scaricabili andando sull’albo pretorio del sito web del Comune di Campobasso.