Piccola Orchestra Popolare Panzillo, grande successo in Sicilia (LE FOTO)

Il gruppo campobassano si è esibito nel Museo Diocesano di Catania

REDAZIONE
CAMPOBASSO

Successo per la trasferta siciliana della Piccola Orchestra Popolare ‘Panzillo’ che, ieri, si è esibita nella prestigiosa pinacoteca del Museo Diocesiano di Catania, con il concerto di apertura della rassegna “Un palcoscenico per la città 2019”, curata dalla storica Camerata Polifonica Siciliana. “55: la musica”, questo il nome dello spettacolo proposto dal sodalizio musicale che, attraverso il richiamo alla smorfia napoletana, ha ripercorso le forme composite ed articolate della musica classica e popolare partenopea, offrendo, allo spettatore, la possibilità di ascoltarla sotto forma di un vero proprio viaggio musicale. Il taglio artistico del gruppo, attraverso un percorso anche di carattere filologico, ha dato vita ad una performance incentrata sui ritmi e sulle danze dell’area campana, con riferimenti ai diversi stili di tarantelle e tammurriate, senza dimenticare alcuni intramontabili classici o brani di concezione teatrale, con particolare attenzione alla produzione Vivianea. La “Piccola Orchestra Popolare. Panzillo” è nata nel 2006 tra appassionati della musica e della poesia, colta e tradizionale. I diversi gusti musicali dei componenti del gruppo hanno dato vita ad un variegato repertorio, canoro e strumentale, che affianca a brani più noti, altri solitamente meno eseguiti, tutti interpretati nel rigore degli stili e delle originarie intenzioni dell’epoca, pur non rinunciando a personali interpretazioni originali. Il gruppo campobassano, che porta il nome del grande mandolinista del 1800 di origini molisane, Carmine Onorato Panzillo, vanta un’attività, sia discografica che concertistica, più che decennale, con numerosissime esibizioni sia in Italia che all’estero.  La formazione vede Nuccia Paolillo alla voce, accompagnata da Bruno Paura alla chitarra, Massimiliano D’Alessandro al mandolino ed organetto, Paolo Castellitto alla viola, Luca Di Muzio al contrabbasso, Alessandra Marino ai flauti e Simone Cretella ai tamburi a cornice e percussioni.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com