Piazzetta Palombo nella morsa della crisi. Il Comune studia le tante proposte per il rilancio

Detassazione nel periodo di lockdown, sgravio dalla Tari sempre riconducibile ai mesi di chiusura, concessione del suolo esterno. Ma anche interventi di carattere estetico-funzionale, sulla tettoia e sul decoro dell’area. Sono alcune delle misure adottate dall’amministrazione comunale per sostenere le attività e gli spazi di Piazzetta Palombo, tornata ad essere un punto di riferimento nel cuore della città.

Un cuore pulsante che, tuttavia, deve fare i conti con la crisi e con le difficoltà degli esercenti, ribadite a più riprese, al tramonto di un 2020 che ha ridotto all’osso gli eventi in pieno centro, con conseguente scarso afflusso di persone sopratutto nelle ore serali. Sul tavolo della giunta 5 Stelle tante proposte, accompagnate dalla volontà di migliorare logistica e stato di salute del tessuto economico locale. “L’attenzione su Piazzetta Palombo è massima – hanno ribadito gli assessori Panichella e Felice – è stato fatto il possibile in un anno per dare lustro a quello che consideriamo un gioiello della città. Vorremmo, però, progredire e capire. Percorsi di crescita saranno valutati attentamente”.

In tal senso, le forze di opposizione chiedono un aiuto tangibile alle attività, che sia autenticamente preparato dall’amministrazione. “Comune metta in campo misure forti, faccia uno sforzo per far sentire la propria vicinanza a questi operatori – sottolinea Tramontano, consigliere Lega – esoneriamo, ad esempio, tutti gli artigiani dell’area dal pagamento del canone di fitto riferito all’anno 2020”. Dalla maggioranza, interpellata in Commissione, arriva un “nì”: verranno fatte delle valutazioni su un ulteriore aiuto, ma l’esenzione totale sembra poco percorribile. Su tutti, è il bilancio ad imporre cautela.

Da Esposito (Forza Italia) giunge invece una proposta differente: far diventare Piazzetta Palombo un centro commerciale naturale della città. In che modo? Attraverso un regolamento sottoscritto tra le parti, che dia altresì la possibilità di fittare gli spazi dell’area in occasione di ricorrenze diversificate. Una sorta di calendarizzazione degli eventi, su vari temi. “Un gioco di squadra – ha riassunto il consigliere azzurro – un patto, se vogliamo, tra amministrazione ed esercenti che decidono di lavorarci. Una proposta sulla quale auspico un’analisi da parte della maggioranza”. Le.Lo.