Pericolo cinghiali sulla Trignina, guardrail anti attraversamento incompleto

AGNONE
FRANCESCO BOTTONE

La foto pubblicata è molto indicativa: mostrano dei cinghiali investiti e uccisi da un autoveicolo in transito la scorsa notte, posizionati proprio nel tratto che precede il guardrail “anti cinghiale”, cioè quello che raggiunge il suolo impedendo alla fauna selvatica di attraversare le strade a scorrimento veloce e causare pericolosi incidenti. Queste nuove barriere di protezione sono state installate sulla fondovalle nel tratto al confine tra Abruzzo e Molise, quindi tra gli svincoli di San Giovanni Lipioni (CH) e Trivento (CB), proprio nelle scorse settimane e hanno la funzione di impedire fisicamente alla fauna selvatica di attraversare la strada evitando così pericoli incidenti.

Le immagini dunque “dicono” due cose: che il guardrail anti attraversamento funziona, ma anche che lo stesso guardrail va posizionato lungo tutta l’arteria, anche sulle rampe di ingresso e di uscita, senza lasciare varchi aperti, altrimenti si rischia di vanificare il lavoro e l’investimento fatto. La foto si riferisce proprio ad una rampa di accesso sulla fondovalle Trigno, precisamente allo svincolo di San Giovanni Lipioni, appena dopo il bivio di Trivento provenendo dal Molise. Gli animali hanno trovato quell’unico varco, un tratto di rampa sul quale non è stata posizionata la barriera anti attraversamento e si sono infilati proprio lì, finendo poi investiti. Pace per i cinghiali morti, sono assolutamente in sovrannumero, ma qualcuno ci ha rimesso la macchina e ha rischiato anche di farsi male.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com