Parcheggi a pagamento, il comitato pronto alla doppia azione legale

REDAZIONE

Una doppia azione legale, amministrativa al Tar e giudiziaria in Procura, sarà questa la prossima mossa del comitato “No Strisce Blu” di Isernia. Emilio Izzo, portavoce del comitato, in sinergia con l’avvocato Oreste Scurti, sta valutando se adire le vie legali contro il provvedimento di affidamento esterno del servizio di gestione dei parcheggi a pagamento. Per il Comitato l’appalto di 15 anni che comporta per la ditta umbra, vincitrice dell’appalto, un incasso presumibile di tre milioni all’anno sarebbe un vero e proprio colpo basso contro gli automobilisti isernini. Una scelta svantaggiosa, a detta del comitato, per tutti i contribuenti, considerato che la ditta si impegna a pagare al Comune un canno annuo di poco più di 100mila euro. Fa discutere anche l’abolizione della sosta breve (la tariffa minima sarà di un’ora) e la possibilità di spostarsi da un parcheggio all’altro senza pagare nuovamente il ticket. Ma, ovviamente, sul banco degli imputati, c’è sempre il fatidico aumento di parcheggi a pagamento: circa 150 stalli di differenza tra quanto deliberato dal Consiglio comunale e quanto stabilito nel bando di gara.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com