Occhiali speciali e prevenzione per evitare tragedie sulla strada

Successo per il service sull’educazione stradale organizzato dal Lions Club Termoli Host

AIL – banner 3×1

REDAZIONE TERMOLI

Occhiali speciali che simulano lo stato di ebbrezza con i bambini di fatto costretti a camminare come se si fosse “ubriachi persi”. I volontari della Misericordia pronti a mostrare le tecniche da rianimazione da utilizzare in caso di emergenza e Polizia, Carabinieri e Polizia Municipale all’opera per spiegare tutti i comportamenti da tenere quando si è per strada. Perché una cosa è certa: con la vita umana non si scherza. E’ andata in scena in piazza Giovanni Paolo II la manifestazione conclusiva del service di zona sull’educazione stradale rivolto agli studenti della scuola primaria di Termoli realizzato dal Lions Club Termoli Host in collaborazione con la Provincia di Campobasso e il Comune di Termoli. «Si tratta di una manifestazione per noi importante perché vogliamo portare avanti la cultura della legalità e della sicurezza delle strade», ha affermato il presidente del Lions Termoli Host, Giuseppe Musacchio. Al suo fianco il consigliere provinciale Antonio Giuditta e i rappresentanti della Provincia di Campobasso e del Comune di Termoli. Gli alunni delle scuole primarie hanno dovuto effettuare una sorta di percorso prima vedendo da vicino le tecniche di rianimazione e soccorso grazie all’operato dei volontari della Misericordia, poi si sono cimentati in una sorta di “prova tecnica di guida” quando si è ubriachi rendendosi conto di quanto sia pericoloso mettersi al volante se si è alzato il gomito. «Abbiamo qui anche due auto da corsa per dimostrare ai ragazzi che si può correre solo su circuiti e con macchine che sono state realizzate apposta per questo», ha proseguito Musacchio e infine sono state mostrate loro le auto in dotazione alle forze dell’ordine con le attrezzature per la sicurezza stradale. Presente anche lo stand dell’Aci con un carro attrezzi per il soccorso autostradale. «Il Service sull’Educazione Stradale – ha proseguito Musacchio – ha già svolto una serie di lezioni in aula con gli studenti delle quarte e delle quinte delle Scuole Primarie di Termoli che sono state condotte da ufficiali delle forze dell’ordine e da funzionari della Provincia di Campobasso; nel corso di questi incontri sono stati distribuiti 660 pubblicazioni che illustrano le norme basilari di educazione stradale. Il service ha lo scopo di insegnare ai bambini cos’è la strada, l’uso che bisogna farne, i segnali da conoscere, le regole da osservare e i comportamenti vietati quando si è in strada».

AIL – banner 3×1

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli