Nuova scuola Mascione, tempi più lunghi per la ricostruzione: si defila la ditta che si era aggiudicata i lavori

Negli ultimi giorni sono sorti problemi nell’iter che porterà alla nascita della nuova scuola di Mascione. Dopo la diatriba dei giorni scorsi tra l’impresa che si è aggiudicata i lavori e il dirigente del comune Giarrusso, la stessa ditta ha manifestato la volontà di ritirarsi, rinunciando di fatto alla sottoscrizione dell’accordo sui lavori. Ad oggi, dunque, è lecito attendersi tempi più lunghi per la costruzione del nuovo plesso scolastico, in attesa di conoscere chi si farà carico del progetto. Una prima possibilità porterebbe all’impresa consorziale che si è già occupata della Torre Covid con Regione Molise: dopo un primo sopralluogo di verifica con i tecnici, andrà sciolta la riserva nel giro di poche settimane.

“Il consorzio in questione – ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Amorosa nel corso dell’ultima Cc – ha manifestato la volontà di concludere i lavori, sostituendo l’impresa che si è defilata. Verranno fatte delle valutazioni sulla fattibilità e sui costi, operazioni indispensabili, per poi eventualmente procedere. E’ un incidente di percorso che ci auguriamo non vada ad incidere troppo sulle tempistiche”.

Intanto, al netto dell’intoppo sull’edificio di Mascione, c’è anche una notizia positiva. Per la ‘rinascita’ della Montini e della scuola dell’Infanzia di via Iezza è stata inviata tutta la documentazione per espletare la gara di progettazione esecutiva. Un piccolo passo che va di pari passo con il cronoprogramma sui lavori preparato dall’ufficio tecnico.