Notte di San Basso: divieto di assembramenti, fuochi e falò: sanzioni fino a 300 euro

«Considerato che nella notte tra il 4 e il 5 agosto, festa del Santo Patrono, vengono solitamente accesi molti falò soprattutto sulle spiagge del litorale sud – si legge in una ordinanza del Comune di Termoli – Visto che in particolare l’accensione dei fuochi sull’arenile rappresenta un danno per l’ambiente e può essere pericolosa in prossimità di stabilimenti balneari e di civili abitazioni; ritenuto che in passato si sono registrate problematiche di sicurezza pubblica, privata e di igiene pubblica dovute all’abbandono indiscriminato sull’arenile dei residui dell’attività di accensione di fuochi e falò e per l’abbandono indiscriminato di bottiglie di vetro al di fuori dei contenitori; ritenuto, quindi, dover vietare sulle spiagge di competenza di questo Comune qualsiasi forma di bivacco, campeggio ed accensione di fuochi e falò nella notte tra il 4 e 5 agosto c.a., anche tenuto conto dell’esigenza di evitare occasioni di assembramenti di persone, vietati a causa dell’epidemia da COVID- 19, sulle spiagge di pertinenza del Comune di Termoli è fatto divieto a chiunque di: detenere a qualsiasi titolo legna, carbonella e qualsiasi altro materiale che possa servire all’accensione dei fuochi; campeggiare, accatastare legna, accendere fuochi e falò e abbandonare sull’arenile residui sia organici che non, in special modo bottiglie di vetro dalle ore 08,00 del 4 agosto alle ore 08,00 del 5 agosto 2020. Per chi non ottemperasse, sono previste sanzioni da 50 a 300 euro».