«Non ci accorgiamo neanche di una ragazzina che partorisce nel bagno di scuola»

Il commento di Alessandra Graziottin, direttore del centro di Ginecologia all’ospedale San Raffaele Resnati di Milano sull’episodio avvenuto in una scuola di Campobasso

REDAZIONE

Era in classe in una scuola di Campobasso quando improvvisamente ha accusato un malore. La giovane di 17 anni avrebbe chiesto ai suoi compagni di chiamare immediatamente il 118. Arrivati sul posto i sanitari hanno scoperto che la ragazza stava partorendo una bambina. L’episodio, accaduto lo scorso 18 gennaio, ha fatto il giro dei media nazionali. Anche l’HuffPost Italia ha dedicato un articolo con il commento della professoressa Alessandra Graziottin, direttore del centro di Ginecologia all’ospedale San Raffaele Resnati di Milano. 

«Se non ci accorgiamo neanche di una ragazzina che partorisce nel bagno di una scuola, di cosa dovremmo accorgerci? Dobbiamo porci delle domande sulla cecità percettiva in cui è sprofondata la nostra società».

Con queste parole la professoressa Alessandra Graziottin, ha commentato all’Huffingtonpost.it i fatti di cronaca riguardanti la “baby mamme”. Si perché un simile caso si è verificato anche a Perugia dove una dodicenne ha accusato forti dolori all’addome: è andata in ospedale e ha scoperto di essere incinta. I genitori non ne sapevano nulla. «Si tratta di due episodi gravissimi – afferma Graziottin- che devono farci riflettere sulle omissioni educative e percettive che abbiamo nei confronti dei giovani».