“Noi di Centro”, costituito il gruppo consiliare a Campodipietra

Persichilli e Mastrofrancesco lasciano “Unione e partecipazione” per seguire il partito di Mastella. Il segretario regionale Amoroso: “Onorato di questa fiducia crescente”

Il neo partito di Clemente Mastella è sempre più presente sul territorio, con grande soddisfazione del segretario regionale, Alessandro Amoroso.

Nella serata di ieri, 23 maggio, durante la seduta del Consiglio comunale a Campodipietra, è arrivato l’annuncio formale al presidente dell’Assise dei consiglieri Roberto Persichilli e Mariarosaria Mastrofrancesco, con il quale comunicavano l’uscita da “Unione e partecipazione” e la costituzione del Gruppo consiliare di “Noi di centro”.

«Una scelta condivisa – ha dichiarato il capogruppo Persichilli – alla quale siamo giunti con la serenità di una riflessione maturata sulla scorta di analisi dettagliate, che hanno tenuto in considerazione la pluralità degli aspetti caratterizzanti questo nuovo progetto politico».

«L’attenzione rivolta al territorio e il desiderio di recepire le istanze dei cittadini – ha continuato Persichilli – non ci sono parse parole vuote e propagandistiche ma abbiamo avuto modo di appurare quanto tutto ciò si stia traducendo in azioni concrete, attraverso il coinvolgimento diretto dei tanti professionisti chiamati a fornire il loro contributo nella costruzione di una linea programmatica».

Una soddisfazione crescente, quella del segretario regionale, Alessandro Amoroso, alimentata da un susseguire di adesioni a ritmo incalzante: «Sono onorato – ha dichiarato Amoroso – di questa fiducia crescente che alimenta motivazione e spirito di iniziativa, ma accresce il mio senso di responsabilità nei confronti dei cittadini ai quali dobbiamo restituire azioni concrete».

Idee condivise anche dalla consigliera Mariarosaria Mastrofrancesco: «Un cambiamento sincero, dettato dal desiderio di cooperare alla costruzione di progetti che siano anzitutto realizzabili, oltre che risolutivi».

«Stiamo lavorando per accorciare le distanze fra la politica e i cittadini – ha concluso Alessandro Amoroso – perché è il territorio che ce lo chiede; per questo abbiamo scelto di intercettare professionalità competenti e operose, capaci di contribuire all’analisi puntuale delle criticità e che sappiano supportarci nell’individuazione delle strategie migliori da applicare per risolvere i problemi della nostra quotidianità. Ringrazio ciascuno di loro».